Alleanza Cattolica BLOG

Tutti gli articoli in ordine cronologico

di Renato Cirelli   1. Il crollo della Russia degli zar La guerra civile russa, seguita alla Rivoluzione d’Ottobre del 1917, è uno degli avvenimenti più sconvolgenti del secolo XX, sia per l’enorme costo umano e materiale che per le conseguenze del suo esito per la Russia, per l’Europa e per il mondo intero. La Russia zarista, dalla metà dell’Ottocento, aveva iniziato un processo di riforme economico-sociali teso a colmare il secolare ritardo nei confronti

Leggi tutto...

di Marco Invernizzi   1. La nascita e l’esordio a Vicenza Nato a Chiuppano, in provincia di Vicenza, l’8 marzo 1848, in una modesta famiglia colonica, rimasto orfano a soli sette anni, Nicolò Rezzara non può dedicarsi agli studi per le ristrettezze economiche in cui viene a trovarsi e riesce soltanto a seguire gli studi elementari e le scuole tecniche grazie all’intervento di uno zio materno, Domenico Fontana, di Vicenza. Comincia così molto presto a

Leggi tutto...

di Marco Tangheroni   1. L’espansione musulmana Subito dopo la morte di Maometto, avvenuta nel 632 – era nato circa nel 570 -, i guerrieri arabi, nel tempo dei primi quattro califfi – Abu Bakr (573-634), Omar ibn al-Khattab (?-644), Othman (565-656) e Alì (600 ca.-661), i cosiddetti califfi “ben guidati” – si lanciano fuori del loro paese, abbattendosi, inattesi, sulle province asiatiche e africane dell’impero romano d’Oriente e sull’impero persiano. Il rapido elenco delle

Leggi tutto...

di Oscar Sanguinetti   1. La conquista nazionalsocialista del potere Il 30 gennaio 1933 Adolf Hitler (1889-1945), leader della NSDAP, il Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori, riceve la carica di Cancelliere, ossia di capo del governo, dal presidente della Repubblica tedesca, il vecchio generale e protagonista della guerra 1914-1918 Paul von Hindenburg (1847-1934). L’ideologia nazionalsocialista, all’interno di una visione del mondo che combina ricostruzioni occultistiche e scientistiche dell’ancestralità germanica e motivi romantici come “sangue e

Leggi tutto...

di Marco Invernizzi   Il Congresso di Vienna Con il termine Restaurazione viene indicato il periodo della storia europea successivo alla sconfitta militare di Napoleone Bonaparte (1769-1821) e al venir meno del sistema imperiale da lui costruito nel ventennio dal 1796 al 1815, nello stesso tempo facendo riferimento sia alla ripresa dei princìpi precedenti la Rivoluzione francese — cioè caratterizzanti l’Antico Regime —, sia al ritorno dei prìncipi sui troni degli Stati sui quali Napoleone

Leggi tutto...

di Marco Tangheroni   1. La conquista musulmana La conquista musulmana della Sicilia, operata a partire dall’827, con lo sbarco a Mazara di truppe composte da arabi, da berberi e da ispano-musulmani, fu il frutto di una lunga guerra combattuta contro l’impero romano d’Oriente, o impero bizantino. Tappe decisive sono la conquista di Palermo, nell’830, la capitolazione della piazzaforte di Enna, in posizione strategica, nell’859, la conquista sanguinosa — accompagnata da massacri e da deportazioni,

Leggi tutto...

di Marco Tangheroni   1. Il Medirerraneo “mare musulmano” Ibn Khaldun (1332-1406) – il maggior storico arabo – così ripensava alla grandezza della potenza navale musulmana nel Mediterraneo nel secolo X e al successivo declino: “I musulmani avevano raggiunto il controllo su tutto il Mediterraneo. Il loro potere e il loro dominio su di esso furono grandi e nulla potevano i cristiani contro le flotte musulmane in nessuna sua parte. […] i cristiani erano obbligati

Leggi tutto...

di Francesco Pappalardo   1. Dalla letteratura alla storia attraverso la politica Giacinto de’ Sivo, scrittore e storico napoletano, nasce a Maddaloni, in Terra di Lavoro, il 29 novembre 1814, da una famiglia di militari devota alla dinastia borbonica. Il nonno, pure di nome Giacinto, aveva armato a proprie spese soldati per la difesa del regno in occasione dell’aggressione giacobina e francese, e lo zio Antonio era stato fra gli ufficiali del card. Fabrizio Ruffo

Leggi tutto...

di Marco Invernizzi   1. Un figlio del Veneto cattolico e intransigente Negli anni seguenti la Breccia di Porta Pia, del 20 settembre 1870, il mondo cattolico definito dagli storici come intransigente mantiene ferma nella memoria degli italiani l’immagine del Pontefice “prigioniero in Vaticano”, e contemporaneamente cominciare a costruire una presenza pubblica del movimento cattolico nelle mutate condizioni dell’Italia. In questo mondo, un posto di grande rilievo ha certamente la figura di Giuseppe Sacchetti. Nato

Leggi tutto...

di Oscar Sanguinetti   1. La Chiesa ucraina La cristianizzazione della Russia inizia verso il secolo IX e ha come evento fondamentale la conversione del grande principe di Kiev san Vladimiro (956 ca.-1015). Poiché la Russia gravita a lungo nell’orbita di Bisanzio, prevale in essa il rito bizantino-slavo, che però non cancella la presenza di comunità di rito latino. Lo scisma d’Oriente del 1054 fa sì che le Chiese russe dipendenti dal patriarcato sedicente “ortodosso”

Leggi tutto...