Alleanza Cattolica BLOG

Tutti gli articoli in ordine cronologico

Giovanni Cantoni     1. Dal 1789, cioè ormai da duecento anni, la ricorrenza del 14 luglio viene ricordata, in Francia e nel mondo, come data significativa di libertà. Infatti, i termini della tesi che sottende il festeggiamento si possono enunciare così: il 14 luglio 1789 una parte del popolo francese ha conquistato la fortezza della Bastiglia, dando la libertà al popolo tutto. La ricerca storica ha invano acclarato di che qualità fossero i “vincitori

Leggi tutto...

Pubblicato in Insorgenze antigiacobine in Italia (1796-1799). Saggi per un bicentenario, Istituto per la Storia delle Insorgenze, [via Castelmorrone 8, 20129] Milano 2001, pp. 360, L. 29.000. Testo riveduto e con una prima annotazione dell’intervento al convegno Contro l’Ottantanove. Miti, interpretazioni e prospettive, organizzato da Alleanza Cattolica e da Cristianità, Roma, 26-26 febbraio 1989. La materia dei primi sette paragrafi, senza note e in una redazione più sintetica, è comparsa in lingua spagnola con il

Leggi tutto...

Cristianità, 167-168 (1989)     Con il canto del Vexilla Regis – inno dei Vespri nel tempo della Passione composto a Poitiers attorno al 569 da Venanzio Fortunato in occasione dell’arrivo di una reliquia della Santa Croce donata a santa Redegonda da Giustiniano II, imperatore d’Oriente, e spesso intonato dai combattenti della Contro-Rivoluzione vandeana – nel pomeriggio di sabato 25 febbraio 1989 si è aperto a Roma, presso l’Augustinianum, il Convegno Internazionale Contro l’Ottantanove. Miti,

Leggi tutto...

Jean Dumont     La conoscenza cattolica della Rivoluzione francese ricompare dopo molto tempo. Sono soltanto di questi ultimi anni la mirabile sintesi di Jean de Viguerie, Christianisme et Révolution, comparsa nel 1986 (1), e il corposo volume documentario che io stesso ho pubblicato nel 1984 con il titolo La Révolution française ou les prodiges du sacrilège (2). Fino ad allora regnavano incontrastati sulla conoscenza cattolica della Rivoluzione un democratismo cristiano e un giacobinismo clericale

Leggi tutto...

Juan Bechmans Vallet de Goytisolo       I. Prospettiva storica delle conseguenze della Rivoluzione francese e delle sue radici ideologiche 1. Il tema e il titolo che mi sono stati proposti per questa relazione sono molto interessanti se osserviamo, fino a oggi e da oggi, i cento anni precedenti la Rivoluzione francese e quelli che da essa giungono al mondo attuale. Le grandi rivoluzioni violente sono come terremoti che non solo distruggono e tolgono

Leggi tutto...

Massimo Introvigne     Qual’è stata l’esperienza religiosa dei cattolici di fronte alla Rivoluzione francese? Qual’è stata l’esperienza di chi — durante e dopo gli avvenimenti della Rivoluzione — dei cattolici ha voluto essere avversario? A questi interrogativi si può, credo, dare una prima risposta servendosi di un metodo di cui la contemporanea fenomenologia della religione — che, per consenso unanime degli studiosi, estende le sue ricerche anche all’irreligione, alla polemica anti-religiosa e all’ateismo —

Leggi tutto...

Russell Kirk Duecento anni fa, l’Assemblea Nazionale francese proclamava la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino: la Rivoluzione in Francia si muove progressivamente verso la catastrofe. Due secoli fa, George Washington viene insediato come primo presidente degli Stati Uniti e viene convocato per la prima volta il Congresso degli Stati Uniti sotto l’egida della Costituzione. A cominciare dal 1789 la Francia ha sofferto a causa delle successive rivoluzioni, mettendo da parte la Costituzione. Sempre

Leggi tutto...

Luigi Negri     1. Gli “immortali princìpi dell’ Ottantanove” sono stati proclamati come diritti di un uomo che si concepisce “contro” o, comunque, “indipendentemente” dalla dimensione religiosa dell’esistenza e dall’annunzio cristiano della salvezza in Gesù Cristo. Sono stati pertanto raccolti dentro quel formidabile e drammatico progetto di autocoscienza ed autorealizzazione “ateistica” dell’uomo, che caratterizza la cultura e la vita sociale dell’umanità europea — e quindi mondiale — in questi ultimi duecento anni della sua

Leggi tutto...

Reynald Secher     Vi sono nella storia di Francia pagine dimenticate che però, quando vengono sfogliate, si rivelano determinanti. È il caso della Vandea, strappata dai nostri programmi scolastici e universitari oppure ridotta a una brillante sintesi di poche righe. Accusata e condannata a morte senza preavviso negli anni 1793 e 1794, nonostante tutto la Vandea sopravvive malgrado i suoi duecento anni. Viene pianta, la si ricorda, si cerca di annettersela, la si spregia,

Leggi tutto...

LUCIANO BENASSI, Quaderni di Cristianità, anno II, n. 4, primavera 1986, pp. 20-31.     1. Introduzione “La cultura accademica, bene o male, ormai sa che il Medioevo non è un’epoca di sottosviluppo, di oscurantismo, di ignoranza e ancora meno di tirannia. Non sempre, tuttavia, questo si trasmette a chi frequenta la università […].“Vi sono, poi, sacche di resistenza dove si continuano a veicolare pregiudizi e sciocchezze sul Medioevo […].“[…] Per molti il pregiudizio è

Leggi tutto...