Il pensiero del giorno: Mt 19,27-29

Don Piero Cantoni 2 settimane fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno: Mt 19,27-29

« Allora Pietro gli rispose: “Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?”. E Gesù disse loro: “In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna » (Mt 19,27-29).

Pietro esprime il pensiero dei compagni dicendo – a loro nome – che quello che il giovane ricco non ha avuto il coraggio di fare (cfr. Mt 19,22) loro lo hanno fatto. Dicendo così dice la verità anche se con un pizzico di orgoglio. A differenza del ricco hanno lasciato alle loro spalle non soltanto le loro proprietà, ma il loro stile di vita, per seguire Gesù. Esteriormente hanno lasciato tutto alle spalle, ma i loro bisticci per questioni di posizione o di onore (Mc 9,34; 10,41) e la loro avversione a una prospettiva di sofferenza (Mc 8,31-34) fanno capire che non hanno ancora abbandonato tutto interiormente per seguire Gesù. L’affermazione di Pietro non implica necessariamente che lui abbia venduto tutto per darlo ai poveri (cfr. Mc 1,29; Gv 21,3), ma che ha abbandonato completamente il tipo di vita che conduceva prima per seguire Gesù. Gesù accoglie l’affermazione di Pietro come sostanzialmente vera, sottolineando che questa rinuncia trova la sua ricompensa non soltanto nell’altra vita, ma già ora. L’annuncio del Vangelo non è una prestazione che dia diritto ad una ricompensa da riscuotere a suo tempo, ma è essa stessa la ricompensa, perché riempie la vita proprio con quelle cose a cui si è rinunciato, ad un livello incomparabilmente superiore. Con un pizzico di ironia Marco aggiunge, alla lista delle “ricompense” le persecuzioni (Mc 10,30). Riguardo alle persecuzioni il problema non è “se ci saranno”, ma solo “come saranno”. Potranno essere violente ed esplicite, oppure indirette ed implicite, fatte di ironia, di presa in giro, di ostracismo sociale, di umiliazioni di ogni tipo, ecc. Il cuore di tutto sta nel distacco interiore da se stessi, che trasforma ciò che è orribile per il mondo in meraviglioso per chi vive già oltre questo mondo. Nel mondo rinnovato i valori saranno riportati alla loro normalità, per cui apparirà chiaro che ciò che appariva brutto (ultimo) era in realtà bellissimo (primo) (cfr Mt 19,30). Diventerà chiaro che ‘normale’ non è quello che fan tutti, ma quello che è secondo la norma, anche se è fatto da pochissimi. Chi ha Gesù ha tutto: questo è quello che non aveva ancora capito il ricco… e che gli apostoli erano ancora sulla strada di capire fino in fondo. Tu, con le tue povere forze, non ce la puoi fare, ma Dio è in grado di realizzare l’impossibile. Non l’impossibile in assoluto (sarebbe un assurdo) ma quello che è impossibile alle sole forze dell’uomo. Che cosa vuol dire essere ‘normali’? Vivere secondo la norma. Che cosa è (o Chi è) la norma? È il Verbo di Dio incarnato, è Gesù. Una norma così luminosa, potente, viva e trasformante che, se liberamente la accogliamo nella nostra vita, ci trasforma in lui. Così la nostra vita diventa veramente viva, luminosa e bella.

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (267 Articoli)