Il pensiero del giorno: Mt 5,38-42

Don Piero Cantoni 4 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno: Mt 5,38-42

« Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle » (Mt 5,38-42).

Gesù cita l’insegnamento dell’Antico Testamento conosciuto come “legge del taglione”. È un principio giuridico che consente ad una persona che ha ricevuto intenzionalmente un danno da un’altra persona, di infliggere a quest’ultima un danno che può anche essere uguale a quello ricevuto, ma non deve oltrepassarlo. Cfr. Es 21,24-25; Lv 24,20; Dt 19,21. Il suo scopo era infatti di prevenire quel crescendo di violenza che l’uomo facilmente innesca quando l’ira è la sua sola legge: « Lamec disse alle mogli: “Ada e Silla, ascoltate la mia voce; mogli di Lamec, porgete l’orecchio al mio dire. Ho ucciso un uomo per una mia scalfittura e un ragazzo per un mio livido. Sette volte sarà vendicato Caino, ma Lamec settantasette” » (Gn 4,23-24). Gesù a questo punto spiega ed esemplifica in che senso la legge dei suoi discepoli deve superare quella degli scribi e dei farisei. Non solo non debbono esigere quello che la legge consente loro, ma devono essere disposti a dare anche di più. La Mishna (l’insegnamento orale dei dottori della legge) per esempio prevede il caso dello schiaffo come particolarmente grave, che merita perciò un pagamento raddoppiato (Neziqin, Baba Qama 8,6,4). Gesù invece insegna un atteggiamento ben preciso: non devi porti davanti al tuo avversario come se tu fossi uno specchio (μὴ ἀντιστῆναι τῷ πονηρῷ): lo specchio riproduce l’immagine che ha davanti, semplicemente rovesciando le posizioni, per cui quello che era a destra passa a sinistra e vice-versa. Cioè « Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene » (Rm 12,21). È quello che aveva capito e insegnato il grande pensatore cattolico Joseph de Maistre davanti agli orrori della Rivoluzione francese che fece scorrere tanto sangue innocente ed è all’origine del laicismo moderno: « la contro-rivoluzione non è una rivoluzione di segno contrario, ma il contrario della rivoluzione ». Ma è difficile! No, di più: è impossibile alle nostre sole forze. Ma diventa realtà se accogliamo in noi, con la fede e la vita, l’Amore di Gesù.

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (345 Articoli)