Perché votare sì domenica ai referendum per l’autonomia

Marco Invernizzi 1 mese fa
Prima pagina  /  Lettere agli amici  /  Perché votare sì domenica ai referendum per l’autonomia

Ci sono mille motivi per votare a favore dell’autonomia in Lombardia e in Veneto, domenica prossima. Sono motivi molto concreti, importanti per il cittadino e importanti anche per chi non è Lombardo o Veneto, perché si tratta di dare un segnale che possa portare tutto il Paese ad indossare il federalismo come abito che dia forma politica alla nazione italiana.

Io ne voglio ricordare uno soltanto di questi motivi, che sicuramente non è fra quelli che sono maggiormente utilizzati in questi giorni precedenti il referendum.

Lo Stato unitario italiano è nato male. Nel 1861 la nazione italiana venne costretta a indossare un vestito costituzionale che non era adatto al corpo della nostra patria: le venne imposto infatti un centralismo statale che contraddiceva la sua storia e le sue tradizioni locali, molte e complementari. Un centralismo che, invece di unire, divise e creò fin da subito la “questione meridionale”, che ancora oggi affligge il Paese. Un Sud umiliato e sottomesso che ha smesso di crescere e un Nord strappato alle sue radici comunali e federali. Il tutto poi sradicato dalle radici cristiane, innestando un conflitto con la Chiesa che solo in parte il Concordato del 1929 riuscirà a risolvere.

Errori di questo tipo si pagano nel tempo, se non si provvede a rettificarli. I governi italiani non lo hanno mai fatto: sia l’Italia liberale, sia quella fascista, sia quella nata dopo la Seconda guerra mondiale non hanno mai voluto affrontarli. Ideologie diverse, ma sempre centraliste. Fino all’indomani del crollo del Muro di Berlino parole come federalismo e sussidiarietà erano confinate ai margini di ogni dibattito politico, poi vennero finalmente “sdoganate” ma non si riuscì a invertire la rotta centralista. Oggi ci viene offerta un’occasione per ricordare allo Stato italiano che nessuno vuole distruggerlo, nonostante la sua brutta storia, ma semplicemente correggerlo, dando un segnale nella prospettiva di una maggiore autonomia delle regioni, e non soltanto delle due in questione.

Un voto per la sussidiarietà e il federalismo. Ecco perché è giusto domenica prossima andare a votare e votare SI.

Categoria:
  Lettere agli amici
Autore

 Marco Invernizzi

  (65 Articoli)