«Nuovi movimenti religiosi in America Latina: implicazioni per un’attività pastorale della Chiesa»

Alleanza Cattolica 28 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  «Nuovi movimenti religiosi in America Latina: implicazioni per un’attività pastorale della Chiesa»

Cristianità n. 209-210 (1992)

Dall’8 al 12 giugno 1992, a Quito, presso la PUCE, la Pontificia Università Cattolica dell’Ecuador, si è svolto il seminario internazionale Nuovi movimenti religiosi in America Latina: implicazioni per un’attività pastorale della Chiesa organizzato dalla FIUC, la Federazione Internazionale delle Università Cattoliche, dal CELAM, la Conferenza Episcopale Latino-Americana, dal SECUM, il Segretariato per l’Ecumenismo dello stesso CELAM, e dall’ateneo ospitante.

Nel 1988 la FIUC ha ricevuto mandato da quattro dicasteri della Santa Sede di organizzare un progetto di studio Nuovi movimenti religiosi, a cui ha dato corso in particolare attraverso due seminari tenuti a Omaha, nel Nebraska, nel maggio del 1991 (cfr. Cristianità, anno XIX, n. 199, novembre 1991) e a Vienna, nell’ottobre dello stesso anno (cfr. ibid., anno XX, n. 201-202, gennaio-febbraio 1992). Il seminario di Quito — come i due precedenti riservato agli studiosi invitati dalla FIUC che partecipano al progetto — è il terzo della serie, che si concluderà con un quarto seminario a Manila previsto per la fine del 1992.

Al seminario di Quito hanno partecipato, fra gli altri, S. Em. il card. Pablo Muñoz Vega S.J., arcivescovo emerito della capitale ecuadoriana; S. E. mons. Antonio González Zumárraga, arcivescovo della stessa città; S. E. mons. Francesco Canalini, nunzio apostolico in Ecuador; mons. Franc Rodé, segretario del Pontificio Consiglio per il Dialogo con i Non Credenti; la dottoressa Teresa Gonçalves, del Pontificio Consiglio per il Dialogo Inter-Religioso presso il quale segue in particolare i problemi relativi ai nuovi movimenti religiosi; il professor Arij Roest Crollius S.J., direttore del Centro di Ricerca della FIUC, nonché rappresentanti della maggioranza delle conferenze episcopali latinoamericane. Martedì 9 giugno, nel corso della prima sessione del seminario, presieduta dalla dottoressa Teresa Gonçalves, il dottor Massimo Introvigne, di Alleanza Cattolica e direttore del CESNUR, il Centro Studi sulle Nuove Religioni, che era già stato relatore nei seminari di Omaha e di Vienna, ha tenuto la relazione di apertura sul tema Sectas, cultos, Nuevos Movimientos Religiosos (NMR): problemas y criterios de terminología. Al termine del seminario è stato elaborato un documento di sintesi che sarà presentato ai vescovi latinoamericani in vista dell’Assemblea di Santo Domingo del CELAM, a cui parteciperà anche il Santo Padre Giovanni Paolo II, fissata per il mese di ottobre del 1992 in coincidenza con il quinto centenario della scoperta e dell’evangelizzazione dell’America.

Nella cattedrale di Quito il dottor Massimo Introvigne ha reso omaggio, per Alleanza Cattolica, alla tomba di Gabriel García Moreno, il presidente martire dell’Ecuador assassinato nel 1875, vittima di un odio settario che non sopportava il suo impegno esplicito di uomo politico cattolico (cfr. Marco Invernizzi, “L’intransigentismo cattolico ed il mito di García Moreno”, ibid., anno XIII, n. 119-120, marzo-aprile 1985).

Categorie:
  Cristianità, Editoriali e note non firmate
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.