Il pensiero del giorno

Don Piero Cantoni 4 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda » (Mt 18,12-14)

Dio ama ciascuno di noi. Il suo amore infinito è per tutti, nessuno – assolutamente nessuno – escluso: « Questo amore è senza esclusioni; Gesù l’ha richiamato a conclusione della parabola della pecorella smarrita: “Così il Padre vostro celeste non vuole che si perda neanche uno solo di questi piccoli” (Mt 18,14). Egli afferma di “dare la sua vita in riscatto per molti ” (Mt 20,28); quest’ultimo termine non è restrittivo: oppone l’insieme dell’umanità all’unica persona del Redentore che si consegna per salvarla [cfr. Rm 5,18-19]. La Chiesa, seguendo gli Apostoli [cfr. 2Cor 5,15; 1Gv 2,2 ], insegna che Cristo è morto per tutti senza eccezioni: “Non vi è, non vi è stato, non vi sarà alcun uomo per il quale Cristo non abbia sofferto” [Concilio di Quierzy (853): Denz. -Schönm.,624] » (Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 605). Chi sono “i piccoli” di cui parla la parabola? I bambini e tutti coloro che sono fragili come bambini. Chi riconosce la propria fragilità e si affida a lui, sarà da lui cercato, ritrovato, sollevato e ricondotto. Questa è la gioia del perdono che sperimentano tutti coloro che – in qualsiasi situazione – lo invocano. Io non l’ho ancora provata? Allora mi conviene far subito una cosa decisiva: inginocchiarmi davanti al Signore Gesù e chiedergli umilmente perdono. Cercare un confessionale e sottopormi con fiducia al tribunale di quella misericordia che è costata il sangue di Gesù. Una gioia incredibile non tarderà ad investirmi. Non è un mio pensierino personale, è detto in un passaggio un po’ dimenticato nei documenti (pastorali…) del Concilio ecumenico di Trento: il sacramento della penitenza ci dona « la pace e la serenità della coscienza insieme ad una vivissima consolazione dello spirito » (DS 1674). Il perdono è qualcosa di personale. Riguarda me, con la mia vita e la mia storia. Non si lascia ridurre a statistica… non sono “uno dei tanti”. Il perdono lo devo cercare con il cuore ed accogliere nel cuore, perché mi è offerto da un Cuore. Un Cuore che parla ad un cuore… non ad un numero. E quelli che si credono forti? Che si sentono a posto? Dio ama anche loro e cerca anche loro. Se siamo apostoli facciamo in modo che Gesù li possa incontrare. Aiutiamoli ad abbattere quel muro fatto di orgoglio e supponenza che impedisce al pastore di abbracciarli, raccoglierli, sollevarli, trasportarli…

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1345 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.