Il pensiero del giorno

Eb 4,14-16; 5,7-9
Don Piero Cantoni 1 anno fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Dunque, poiché abbiamo un sommo sacerdote grande, che è passato attraverso i cieli, Gesù il Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della fede. Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato. Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno. […]. Nei giorni della sua vita terrena egli offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito. Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono » (Eb 4,14-16; 5,7-9).


Gesù ha offerto preghiere e lacrime a Dio per essere salvato dalla morte e « venne esaudito ». Questo può sembrarci molto strano, perché noi sappiamo che in realtà è morto, in modo drammaticamente molto doloroso. In che senso allora è stato esaudito?

È stato esaudito perché, con la sua morte, assolutamente reale, ha vinto la morte, cioè è risorto. È passato cioè da questo mondo (הַעוֹלָם הַזֵה : ha’olam hazeh) – un mondo terribilmente limitato, in cui tutto è passeggero, dominato in definitiva dalla morte, un mondo di cui Satana è il signore, il « principe » (Gv 12,31; 14,30; 16,11; Ef 2,2) – ed è entrato nel mondo vero e definitivo (הַעוֹלָם הַבָּא : ha’olam habbah), il mondo in cui Dio domina completamente. 

Nel mondo che viene (habbah: “che viene”) e che è già presente in Gesù risorto i valori sono riportati alla loro normalità. ‘Normale’ non è quello che fan tutti, ma quello che è ‘secondo la norma’, anche se fosse fatto da pochissimi. Questo passaggio Gesù non lo ha realizzato solo per sé stesso ma per tutti coloro che credono in lui.

Lui, obbediente al Padre da tutta l’eternità, ha imparato l’obbedienza anche con l’umanità assunta nell’incarnazione e, in questo modo, è diventato causa di perfetta obbedienza per tutti coloro che, credendo, si uniscono a lui.


Venerdì Santo – Passione del Signore

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1350 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.