Il pensiero del giorno

Mt 13,1-9
Don Piero Cantoni 12 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia. Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: “Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti” » (Mt 13,1-9). 


Il seme può essere accolto lì per lì, ma poi trascurato. Cade su una strada, non penetra, non viene veramente accolto. Gli uccelli lo beccano ben presto e di frutto non se ne parla più. Cade su un terreno sassoso. Viene accolto, ma troppo in superficie. Non può mettere veramente radici; ciò che nasce non può cercare il nutrimento e la linfa vitale in profondità: è destinato ad essere seccato dal calore del sole.

Quello stesso sole che – se avesse radici e linfa in sé stesso – lo farebbe crescere e portar frutto, lo scalda e lo secca. Cade in mezzo ai rovi. Mette radici, cresce, ma ben presto è soffocato da piante più forti di lui: le paure e le preoccupazioni del mondo.

In queste immagini sono descritte le possibili, molto spesso alterne vicende della «buona battaglia della fede» (1 Tim 6,12). L’entusiasmo della conversione, quando la Parola di Dio ci illumina e ci conquista e tutto “sembra facile”. La delusione davanti al “tutto e subito” che manifesta la sua falsità e si rivela come una illusione e quindi come una insidiosa tentazione…

La stanchezza dell’attesa davanti a qualche cosa che “succede”, ma succede nel profondo e noi non lo vediamo e non lo controlliamo: «Come, egli stesso non lo sa» (Mc 4,27)…

La fatica dell’umiltà che deve saper aspettare il tempo del nascere, del crescere e della raccolta, cioè il dispiegarsi di una forza che non viene da te…

Le impennate dell’orgoglio e della rabbia che vorrebbero ribaltare una situazione con le proprie forze, cambiando le scelte fatte in precedenza, quando la voce di Dio era sensibile e noi eravamo consolati: allora si vuole crescere troppo in fretta senza avere cercato in profondità la forza di Dio. Il compromesso tra le esigenze della fede e della preghiera e le preoccupazioni del mondo: non ho tempo… per Dio.

I momenti di buio in cui le “parabole” – cioè le Scritture, gli Insegnamenti della Chiesa, ciò in cui una volta credevamo – restano tali: storie senza senso, opache, senza bellezza, non perché il senso e la bellezza non ci siano, ma perché abbiamo perduto la pazienza di guardare e di aspettare e il nostro cuore si è fatto duro…

Se crediamo, quando crediamo, qualcosa è incominciato in noi: «sostanza di cose sperate» (Eb 11,1).


Il Santo del giorno: San Charbel (Giuseppe) Makhluf, sacerdote

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1347 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.