Il pensiero del giorno

Mt 18,1-5.10
Don Piero Cantoni 10 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: “Chi dunque è più grande nel regno dei cieli?”. Allora chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: “In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me. […]. Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli » (Mt 18,1-5.10).


L’angelo è il testimone e il custode di quelle attività della creatura intelligente – quindi anche dell’uomo – che nell’insieme di tutte le prestazioni straordinariamente efficaci e redditizie di cui l’ingegno è capace, appaiono come assolutamente in-utili, tali da non servire propriamente a nulla: la contemplazione e l’adorazione.

Gli angeli con la loro vita ci aiutano allora a capire quanto sia importante la contemplazione e la preghiera. Soprattutto la preghiera di adorazione e di lode. Ma a che cosa serve adorare e contemplare? Non “serve a nulla”, perché tutto serve a lei. È atto di sovrana libertà e di supremo significato, che riempie il cuore e la vita più di ogni fare e produrre. Molte cose servono ad altre, molte azioni servono per compiere altre azioni…

Questo serve a quest’altro, che serve a quest’altro ancora, il quale a sua volta serve a, serve a, serve a… Non si può andare all’infinito, perché altrimenti tutto il nostro fare sarebbe senza senso, letteralmente insensato, un acchiappare il nulla e un inseguire il vento. C’è un fare che è ultimo, perché tocca l’origine di ogni cosa, il principio di tutto, la Bellezza suprema, « l’amor che move il sole e l’altre stelle » (Paradiso, canto XXXIII, 145: l’ultimo verso della Divina Commedia…).

Quando preghiamo, adoriamo, lodiamo ci immergiamo nell’eternità e quindi la anticipiamo…


Il Santo del giorno: Santi Angeli Custodi

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1354 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.