Il pensiero del giorno

Lc 18,1-8
Don Piero Cantoni 9 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Diceva loro una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: “In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”. Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi””. E il Signore soggiunse: “Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?” » (Lc 18,1-8).


Come si fa a pregare “sempre”? Nella vita dobbiamo fare tante cose che necessariamente interrompono la nostra vita di preghiera: dobbiamo dormire, mangiare… lavorare. Un’eresia dei primi secoli, l’eresia “messaliana” consisteva proprio nel prendere alla lettera queste parole di Gesù: pregare sempre, pregare ininterrottamente…

I messaliani riducevano al minimo quelle attività assolutamente necessarie e dedicavano il più tempo possibile alla preghiera. Soprattutto non lavoravano. Non era bello? No, perché non avevano capito che la preghiera deve coinvolgere veramente tutto, senza interruzioni. Anche il sonno deve essere preghiera, anche mangiare, anche lavorare.

Ma se prego mentre lavoro mi distraggo! No, perché ognuno di noi fa tante cose insieme. Pensiamo ad una cosa banale che molti di noi fanno tutti i giorni: guidare l’automobile. Mentre guido non penso necessariamente a tutti i gesti che faccio: se incontro una curva giro il volante, ma non lo penso, non lo progetto… perché sto pensando ad altro.

Quello che il Signore ci vuole insegnare è far sì che tutto quello che faccio diventi preghiera. Se mi metto su questa strada scoprirò ben presto che non solo non mi allontana dall’attenzione dovuta a quello che faccio, ma mi rende più limpido, più fresco, più attento… Chi prega molto, fa le cose meglio. 


Il Santo del giorno: Santa Maria Bertilla Boscardin, religiosa

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1348 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.