Il pensiero del giorno

Lc 12,13-21
Don Piero Cantoni 9 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Uno della folla gli disse: “Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità”. Ma egli rispose: “O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?”. E disse loro: “Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede”.  Poi disse loro una parabola: “La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse -: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio” » (Lc 12,13-21).


Lo spavaldo dice: “non ho paura della morte, perché finché ci sono io la morte non c’è e quando la morte verrà io non ci sarò più”. La morte così non la vedo mai in faccia e non può farmi paura. Non è vero! Vivere è «essere per la morte» (Martin Heidegger): la morte – dopo il peccato – è una dimensione del nostro umano esistere. Essa ci accompagna fin da subito: ogni uomo, appena nato, è già pronto per morire. Con la malattia e la nostra umana debolezza manifesta in mille modi il suo potere e si compirà in un momento che non sappiamo… È la mia morte.

La morte ci appare sempre come morte degli altri. Ma un giorno sarà la mia. Anzi è già la mia… La morte intesa così, come morte degli altri, morte spettacolo, oggi non dà fastidio. Anzi c’è persino un interesse morboso per questo tipo di morte. Ma la morte seria, la mia morte, quella deve essere rimossa. Se in un bar uno racconta un film con tanti morti, niente di male… ma se incomincia a dire: sapete, tutti dobbiamo morire… Allora è di cattivo gusto. Quando? Non si sa. Gesù usa un immagine molto vivida: quella del ladro. I ladri non si presentano su appuntamento…

« Sappiate bene questo: se il padrone di casa sapesse a che ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti, perché il Figlio dell’uomo verrà nell’ora che non pensate » (Lc 12,39-40). La venuta del Signore si compie improvvisa soprattutto quando l’uomo si bea in una sciocca sicurezza: « Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e datti alla gioia. Ma Dio gli disse: Stolto [cioè: stupido!], questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita ».

«Come un ladro di notte, così verrà il giorno del Signore. E quando si dirà: “Pace e sicurezza”, allora d’improvviso li colpirà la rovina» (1 Tess 5,2-3)


Il Santo del giorno: Sant’Orsola, martire

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1342 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.