Il pensiero del giorno

Lc 12,35-38
Don Piero Cantoni 9 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro! » (Lc 12,35-38). 


Il ritorno è previsto durante la notte, come lo sposo delle vergini sagge e stolte (cfr. Mt 25,1-13). I romani dividevano la notte in quattro “vigilie”: « alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino » (Mc 13,35), mentre i giudei la dividevano in tre (Gdc 7,19). Questa parabola sembre seguire l’uso giudaico.

Sono tre turni di guardia, in cui è divisa la notte, cioè il periodo di tempo che va dalle sei di sera alle sei del mattino. Dodici ore divise in tre “turni”, di quattro ore ciascuna. Il gallo con il suo canto alle prime luci dell’alba è il simbolo di questa veglia in attesa e in funzione della luce (quanti campanili sono sormontati da un galletto che ruota secondo la direzione del vento e ricorda agli smemorati che bisogna vegliare!). Che succede se ci si addormenta?

Si vive senza luce, cioè senza verità. Si vive volontariamente nelle tenebre, quando non si ammette nessuna verità che non sia la “nostra” verità, quella “verità” che copre le nostre nefandezze e che in realtà è tenebra. Qui evidentemente le “tenebre” non sono l’assenza di luce fisica, come quando si spegne la luce per dormire un sonno tranquillo e riposante, sono la mancanza di verità certe e fondamentali che costituiscano un chiaro punto di riferimento.

È una vita vissuta come un cammino senza “direzione”, cioè senza… senso. Tutti devono stare attenti a non addormentarsi; perché allora anche se “i libri”, cioè le parole che sono luce, ci sono, non si ha voglia né di leggerli né di interpretarli.

È una battaglia in cui l’arma principale è la preghiera: « Vegliate e pregate per non entrare in tentazione. Lo spirito è pronto, ma la carne è debole » (Mc 14,38). Pregate, pregate, pregate!


Il Santo del giorno: San Giovanni Paolo II, Papa

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1352 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.