Il pensiero del giorno

Lc 19,1-10
Don Piero Cantoni 8 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: “Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua”. Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: “È entrato in casa di un peccatore!”. Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Gesù gli rispose: “Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto” » (Lc 19,1-10).


La Bibbia non è un libro da leggere, ma da “fare”. Per es. Isaia ci parla di un « un banchetto di grasse vivande, un banchetto di vini eccellenti, di cibi succulenti, di vini raffinati » (Is 25,6). È per questo che i monaci ci hanno insegnato che mangiare è un atto liturgico.

È bene che il pasto sia preceduto dalla preghiera e termini con la preghiera. Nei monasteri durante il pasto si ascolta una lettura. Ma anche noi dobbiamo renderci di nuovo conto che il momento del pasto non è quello di guardare la TV o maneggiare lo smartphone… ma quello di dialogare tra noi, di vivere concretamente la fraternità. Magari, perché no, di parlare di Dio (parlare familiarmente di Dio a tavola era uno degli apostolati prediletti da sant’Ignazio di Loyola).

Così faceva certamente Gesù che – scandalosamente – mangiava con pubblicani e peccatori. Come nel Vangelo di oggi in cui si racconta che Gesù va a casa del pubblicano Zaccheo e mangia con lui. Mangiare insieme è una prefigurazione del banchetto celeste, di cui l’Eucarestia è un inizio reale e sacramentale.

La Bibbia “pregata” ci aiuta a vivere tutta la nostra vita, anche nei dettagli più insignificanti, nella luce del mistero di Dio in cui « viviamo, ci muoviamo ed esistiamo » (At 17,28).


Il Santo del giorno: Sant’Abdia, profeta

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1350 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.