Il pensiero del giorno

Lc 5,17-26
Don Piero Cantoni 7 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Un giorno stava insegnando. Sedevano là anche dei farisei e maestri della Legge, venuti da ogni villaggio della Galilea e della Giudea, e da Gerusalemme. E la potenza del Signore gli faceva operare guarigioni. Ed ecco, alcuni uomini, portando su un letto un uomo che era paralizzato, cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui. Non trovando da quale parte farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e, attraverso le tegole, lo calarono con il lettuccio davanti a Gesù nel mezzo della stanza. Vedendo la loro fede, disse: “Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati”. Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere, dicendo: “Chi è costui che dice bestemmie? Chi può perdonare i peccati, se non Dio soltanto?”. Ma Gesù, conosciuti i loro ragionamenti, rispose: “Perché pensate così nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire “Ti sono perdonati i tuoi peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati, dico a te – disse al paralitico -: àlzati, prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua”. Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e andò a casa sua, glorificando Dio. Tutti furono colti da stupore e davano gloria a Dio; pieni di timore dicevano: “Oggi abbiamo visto cose prodigiose” » (Lc 5,17-26). 


Il miracolo è il segno evidente che le parole di Gesù non sono vane, ma operano quello che dicono, sono “creatrici” della realtà che significano, come quando « Dio disse: “Sia la luce!”. E la luce fu » (Gen 1,3). La sua parola è veramente Parola di Dio, perché Lui stesso è la Parola di Dio da tutta l’eternità (Gv 1).

Così succede quando dice: « Ti sono perdonati i peccati ». Ma che cosa è più facile? Dire: « Ti sono perdonati i peccati » oppure « Àlzati, prendi la tua barella e cammina »? Se ragioniamo secondo le apparenze, evidentemente è più facile dire « Ti sono perdonati i peccati », ma, se entriamo nel mistero per mezzo della fede, comprendiamo che il perdono di Gesù gli è costato la Croce…

La potenza divina è entrata nel mondo degli uomini mediante la carne di un uomo che è morto per noi. Dio non avrebbe potuto perdonarci in un altro modo? Sarebbe bastato un gesto qualunque. Ma ha voluto darci un segno evidente del suo Amore. Che cosa è più facile? Dire “ti amo” o dare la vita per te? Il vero autentico miracolo è il perdono del peccato, la guarigione della malattia è solo l’eliminazione di un lontano effetto del peccato.

Il perdono è una cura vera e profonda, che uccide la malattia là dove essa si annida, la guarigione è una medicazione solo sintomatica. Quando andiamo a confessarci, pensiamo che quel perdono che riceviamo ci lava con il sangue di Gesù… È gratuito per noi, ma a Lui è costato sangue.


Il Santo del giorno: San Siro, Vescovo

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1355 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.