Il pensiero del giorno

Mc 6,34-44
Don Piero Cantoni 6 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore , e si mise a insegnare loro molte cose. Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: “Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare”. Ma egli rispose loro: “Voi stessi date loro da mangiare”. Gli dissero: “Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?”. Ma egli disse loro: “Quanti pani avete? Andate a vedere”. Si informarono e dissero: “Cinque, e due pesci”. E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. Tutti mangiarono a sazietà, e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini » (Mc 6,34-44).


Qui diventa chiaro perché – sul fondamento dei sacramenti e in dipendenza della loro efficacia – la vita del cristiano è una “esistenza sacramentale”. La Messa è la ri-presentazione del mistero pasquale di Gesù, la sua morte e risurrezione. Da essa scaturisce ogni grazia e da essa nasce la Chiesa.

La Messa però non è possibile se manca la materia adatta: un po’ di pane che può essere – in casi eccezionali – anche solo un pezzettino di mollica e un po’ di vino, anche solo – sempre in casi eccezionali – quello che si può ottenere dallo spremitura di qualche acino d’uva. Che cosa sono mai una mollica di pane e un goccio di vino se non qualcosa di decisamente insufficiente a fondare la Chiesa e a nutrire tutta la vita dei cristiani? Ma senza di essi non c’è il sacramento e solo con essi il miracolo dell’eucaristia è possibile…

Signore non ce la faccio più! Incomincia a fare tutto quello che ora puoi, fosse anche un solo Padrenostro… al resto ci pensa lui! Dice sant’Agostino: facienti quod est in se Deus non denegat gratiam – Dio non fa mancare la grazia a chi fa tutto quello che è in grado di fare. Anche se è scandalosamente insufficiente. Fa un buio immenso, ci vorrebbe tanta luce… Invece di lamentarti accendi un fiammifero!


Il Santo del giorno: San Severino del Norico, sacerdote e monaco

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1350 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.