Il pensiero del giorno

1Gv 4,11-18
Don Piero Cantoni 6 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l’amore di lui è perfetto in noi. In questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha donato il suo Spirito. E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo. Chiunque confessa che Gesù è il Figlio di Dio, Dio rimane in lui ed egli in Dio. E noi abbiamo conosciuto e creduto l’amore che Dio ha in noi. Dio è amore; chi rimane nell’amore rimane in Dio e Dio rimane in lui. In questo l’amore ha raggiunto tra noi la sua perfezione: che abbiamo fiducia nel giorno del giudizio, perché come è lui, così siamo anche noi, in questo mondo. Nell’amore non c’è timore, al contrario l’amore perfetto scaccia il timore, perché il timore suppone un castigo e chi teme non è perfetto nell’amore » (1Gv 4,11-18)


Qui troviamo l’affermazione centrale nella rivelazione di Dio: Dio è amore! Essa riassume tutto quello che dobbiamo capire e fare. È talmente importante che corriamo oggi il rischio – soprattutto noi cristiani – di darla per scontata.

L’importante è amare: è ovvio. Ma sappiamo veramente in che cosa consiste l’amore o crediamo solo di saperlo? La parola è diffusissima. È sulle labbra di tutti. La troviamo in tutti i contesti e in tutte le situazioni. Ma che cosa significa per tanti amare? Credo che l’amore come è inteso da tanti  si possa riiassumere così: mi piaci, ti prendo, ti uso e ti getto…

Ma questo è proprio l’esatto contrario dell’amore! Dove si può imparare il vero amore? Non lo si impara a scuola, sui libri, facendo dei “corsi”, lo si impara essendo amati. Normalmente l’uomo ha fatto l’esperienza dell’amore già prima di “nascere” nel caldo seno della mamma, dove ha percepito, prima ancora di riflettere, il ritmo di un cuore che batteva assieme al suo. Purtroppo sappiamo che questo amore può essere tradito, contraffatto, distrutto.

In ogni peccato in radice c’è la contraffazione dell’amore. Che cos’è la vita senza amore, o con un amore contraffatto, falso, letteralmente “idolatrico”, cioè fatto di pura apparenza, ma vuoto di realtà? Che cos’è la vita senza amore? È “inferno”.

Nell’umiltà che spesso le drammatiche conseguenze dei nostri stessi sbagli possono contribuire a far sorgere nel nostro cuore, ci possiamo render conto che non siamo capaci di amare.

L’amore che Gesù ha dimostrato per ciascuno di noi – per me! – è lo svelamento del vero Amore che mi precede, mi avvolge e letteralmente mi “assedia” (συνέχει 2Cor 5,14). In fondo che cosa devo fare? Niente di più e niente di meno che arrendermi…


Il Santo del giorno: San Marcellino di Ancona, Vescovo

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1350 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.