Il pensiero del giorno

Mc 2,13-17
Don Piero Cantoni 6 mesi fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: “Seguimi”. Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: “Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?”. Udito questo, Gesù disse loro: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori” » (Mc 2,13-17). 


Poniamoci davanti agli occhi il capolavoro del Caravaggio, la “Chiamata di Matteo” (1600, conservato a Roma in san Luigi dei Francesi). Gesù entra in un locale, dipinto dal Caravaggio come un’osteria del suo tempo, ed indica con decisione Matteo.

Chi è Matteo? Perché al tavolo ci sono parecchie persone. È il vecchio che indica sé stesso stupito, come se dicesse: ma sei proprio sicuro? Oppure il giovane che, a capo tavola, non alza nemmeno lo sguardo, intento com’è a contare i suoi soldi. Potrebbero anche essere tutti e due…

Uno esprime lo stupore e l’incredulità davanti ad una chiamata così impegnativa, l’altro la fatica della separazione che questa implica dalle cose a lui tanto care. Non guardiamo però la scena con distacco… Matteo siamo noi! E non diciamo che Gesù ci ha già chiamati, oppure che la faccenda non ci riguarda. No.

Il Signore ci chiama adesso, in questo preciso momento. Non cediamo alla tentazione dell’incredulità (il vecchio) pensando al poco che valiamo, perché il Signore non chiama chi è degno, ma rende degno chi chiama.

Non cediamo alla tentazione della distrazione, fissando lo sguardo sulle cose a cui siamo tanto attaccati e che ci dispiace lasciare (il giovane)…, perché in ogni caso si avvicina il momento in cui le dovremo comunque lasciare. Fissiamo invece lo sguardo su Gesù, guardiamolo negli occhi con fiducia e diciamogli: eccomi!


Il Santo del giorno: Santa Prisca, martire di Roma

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1346 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.