Il pensiero del giorno

Mt 11,25-30
Don Piero Cantoni 2 settimane fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« In quel tempo Gesù disse: “Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita . Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero » (Mt 11,25-30).


« Questa sarà l’alleanza che io concluderò con la casa di Israele dopo quei giorni, dice il Signore: Porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò sul loro cuore » (Ger 31,33).

Dio aveva promesso di scrivere la legge nel nostro cuore di uomini, con tutta la perfezione che le compete, facendola diventare quello che essa è nel suo profondo e ciò a cui essa tende in tutte le sue forme e Gesù l’ha scritta nel suo cuore con la sua vita, soprattutto con la sua passione e la morte in croce, cioè con la sua libertà, perché la croce l’ha accettata e portata con tutta la libertà dell’amore.

« Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi » (Lc 22,20). Con la risurrezione egli vive e comunica questa sua vita a tutti coloro che liberamente la accolgono nel mistero della fede e dei sacramenti della fede. Nel cuore di Gesù ogni infrazione della legge è distrutta, ogni ferita inferta all’amore è assunta ed è diventata vittoria dell’amore…

È davanti a quel cuore che ci dobbiamo fermare e meditare e credere… È lì e solo lì che la nostra conversione diventa possibile e diventare leggerezza e allegria. Ciò che ormai è scritto a caratteri di sangue nel cuore di Gesù può essere scritto anche nei nostri cuori e darci la pace e farci gustare la vera gioia della giustizia, cioè dell’ordine di Dio, del suo “regno”. « Venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà ».

Vergine Maria, Madre nostra, rendi docili i nostri cuori perché sappiano accogliere la dolce scrittura di Gesù…

Il Santo del giorno: San Romualdo, anacoreta e padre dei monaci Camaldolesi

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1343 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.