Il pensiero del giorno

Don Piero Cantoni 3 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Giunsero all’altra riva del mare, nel paese dei Gerasèni. Sceso dalla barca, subito dai sepolcri gli venne incontro un uomo posseduto da uno spirito impuro. Costui aveva la sua dimora fra le tombe e nessuno riusciva a tenerlo legato, neanche con catene, perché più volte era stato legato con ceppi e catene, ma aveva spezzato le catene e spaccato i ceppi, e nessuno riusciva più a domarlo. Continuamente, notte e giorno, fra le tombe e sui monti, gridava e si percuoteva con pietre. Visto Gesù da lontano, accorse, gli si gettò ai piedi e, urlando a gran voce, disse: “Che vuoi da me, Gesù, Figlio del Dio altissimo? Ti scongiuro, in nome di Dio, non tormentarmi!”. Gli diceva infatti: “Esci, spirito impuro, da quest’uomo!”. E gli domandò: “Qual è il tuo nome?”. “Il mio nome è Legione – gli rispose – perché siamo in molti”. E lo scongiurava con insistenza perché non li cacciasse fuori dal paese. C’era là, sul monte, una numerosa mandria di porci al pascolo. E lo scongiurarono: “Mandaci da quei porci, perché entriamo in essi”. Glielo permise. E gli spiriti impuri, dopo essere usciti, entrarono nei porci e la mandria si precipitò giù dalla rupe nel mare; erano circa duemila e affogarono nel mare. I loro mandriani allora fuggirono, portarono la notizia nella città e nelle campagne e la gente venne a vedere che cosa fosse accaduto. Giunsero da Gesù, videro l’indemoniato seduto, vestito e sano di mente, lui che era stato posseduto dalla Legione, ed ebbero paura. Quelli che avevano visto, spiegarono loro che cosa era accaduto all’indemoniato e il fatto dei porci. Ed essi si misero a pregarlo di andarsene dal loro territorio. Mentre risaliva nella barca, colui che era stato indemoniato lo supplicava di poter restare con lui. Non glielo permise, ma gli disse: “Va’ nella tua casa, dai tuoi, annuncia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ha avuto per te”. Egli se ne andò e si mise a proclamare per la Decàpoli quello che Gesù aveva fatto per lui e tutti erano meravigliati » (Mc 5,1-20)

Il paese dei Gerasèni era un’area non ebrea situata sulla costa orientale del lago di Tiberiade. Un luogo sinistro, anche alla piena luce del giorno, per varie ragioni. Oltre ad essere terreno di pascolo per maiali, animale immondo secondo la Legge (Lv 11,7) era cosparso di tombe (Nm 5,2). L’uomo posseduto dai demòni è l’immagine vivente degli effetti devastanti del male. Gira senza meta gridando e facendosi del male, vive nelle tombe ed è anche nudo (v. 15), un segno orribile di mancanza di dignità per il popolo ebreo. Esprime letteralmente la situazione dell’Israele ribelle a Dio descritto dal profeta: « un popolo che mi provocava sempre, con sfacciataggine. Essi sacrificavano nei giardini, offrivano incenso sui mattoni, abitavano nei sepolcri, passavano la notte in nascondigli, mangiavano carne suina e cibi immondi nei loro piatti » (Is 65,3-4). È evidente che quest’uomo non ha bisogno solo di conversione e di riforma di vita, ma di una vera e propria liberazione. A causa del peccato d’origine il demonio ha acquistato un certo dominio sugli esseri umani (Gv 8,34; Rm 5,12-19; 1Gv 3,8). « […] c’è il peccato originale. Un dato del quale si può fare esperienza. La nostra umanità è ferita, sappiamo riconoscere il bene e il male, sappiamo che cosa è male, cerchiamo di seguire la via del bene, ma spesso cadiamo a motivo della nostra debolezza e sciegliamo il male. È la conseguenza del peccato d’origine, del quale abbiamo piena coscienza grazie alla Rivelazione. Il racconto del peccato di Adamo ed Eva, la ribellione contro Dio che leggiamo nel libro della Genesi, si serve di un lingaggio immaginifico per esporre qualcosa di realmente accaduto alle origini dell’umanità » (Francesco, Il nome di Dio è misericordia, Piemme, Milano 2016, pp. 57-58). Solo Gesù ha l’autorità per dominare sugli spiriti del male. Loro non sanno con certezza chi è, lo sospettano solo (1Cor 2,8) e vanno come a tentoni. Gesù chiede loro il nome. Il nome nell’antichità e secondo le Scritture non è solo un’etichetta per identificare, ma dice qualcosa dell’intimo della persona. Conoscere il nome è acquisire un certo potere su di lei. Il nome “Legione” (il reparto base dell’esercito romano, composto di seimila uomini) indica che sono in tanti. Questo esorcismo è come l’esemplicazione fattuale della precedente parabola dell’uomo forte: « Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa » (Mc 3,27). Solo Gesù è forte abbastanza per piegare la loro forza. Fino al punto che sono loro a pregarlo di mandarli nel gregge di porci per mantenere il loro dominio sul territorio. Il potere dei demòni – pur essendo puri spiriti – è infatti legato al territorio. Gesù acconsente, ma gli spiriti non sono in grado di controllare i loro nuovi ospiti che si gettano disordinatamente nelle acque del lago. il Signore non bada al danno materiale che questo comporta: non ha paragone con la liberazione avvenuta. Notiamo come l’uomo quando era in preda agli spiriti malvagi danneggiava soprattutto se stesso. È quello che avviene in ogni uomo che peccando crede di essere libero, mentre in realtà è schiavo. La libertà superficialmente intesa secondo “la teologia del Bar” può essere tradotta così: “sono libero perché faccio quello che ne ho voglia”. Che in concreto vuol dire: “sono schiavo di tutte le mie voglie” che mi frantumano e mi sbatacchiano di qua e di là, riducendomi in potere di forze malvage più grandi di me. Il perdono sacramentale è l’esorcismo più potente ed efficace che ci sia. È una vera e propria liberazione, dal maligno e da noi stessi.

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1345 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.