Il pensiero del giorno

Don Piero Cantoni 3 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno

« Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: “Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’”. Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose » (Mc 6,30-34)

Gesù riconosce che dopo il loro intenso lavoro apostolico gli Apostoli avevano bisogno di riposarsi rimanendo un po’ insieme fra di loro e in sua compagnia. Lo “stare con lui” non è una tappa da lasciarsi alle spalle, ma deve accompagnare sempre la loro vita e deve essere costantemente rinnovata (Mc 3,14; cfr. Gv 15,4). Il deserto è il luogo in cui si è messi alla prova (Mc 1,3-13), ma è anche il luogo in cui ci si allontana dai rumori e dalle distrazioni del mondo per ritrovare l’intimità con il Signore. Il desiderio del Signore di dar loro riposo, richiama il riposo promesso al popolo di Israele nella terra promessa dopo la traversata del deserto (Es 33,14; Dt 12,10; Eb 4,9-11) e, nello stesso tempo la sua attenzione concreta per i bisogni pratici di quelli che si dedicano generosamente al suo servizio. Il luogo deserto non rimane tale a lungo, perché sono subito raggiunti dalla folla che non lascia loro neppure il tempo di mangiare. Gesù però non dà segni di disturbo, ma di compassione. Anche questo fa parte del suo addestramento per gli Apostoli, della pedagogia di quell’unico e specialissimo “Seminario” che ebbe in Gesù il suo Rettore, Vicerettore e Direttore Spirituale… Riposarsi è importante. Un riposo che va inteso in modo molto concreto: riposo – insieme – del corpo e dello spirito. Come riposare lo spirito? Non “non facendo niente”, perché il far niente è tutt’altro che riposante, ma “stando con Lui”. La preghiera profonda, la preghiera del cuore è la chiave del riposo spirituale vero. È una anticipazione del riposo definitivo nella Terra Promessa, è il modo più vero di ritemprare le forze. Sempre però rifuggendo da ogni egoismo… Con la disponibilità cioè ad essere “disturbati” dall’improvviso e inaspettato bisogno degli altri. « Come Dio “cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro” (Gen 2,2), così anche la vita dell’uomo è ritmata dal lavoro e dal riposo. L’istituzione del giorno del Signore contribuisce a dare a tutti la possibilità di “godere di sufficiente riposo e tempo libero che permetta loro di curare la vita familiare, culturale, sociale e religiosa” [Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes, 67]. Durante la domenica e gli altri giorni festivi di precetto, i fedeli si asterranno dal dedicarsi a lavori o attività che impediscano il culto dovuto a Dio, la letizia propria del giorno del Signore, la pratica delle opere di misericordia e la necessaria distensione della mente e del corpo [cfr. Codice di Diritto Canonico, 1247]. Le necessità familiari o una grande utilità sociale costituiscono giustificazioni legittime di fronte al precetto del riposo domenicale. I fedeli vigileranno affinché legittime giustificazioni non creino abitudini pregiudizievoli per la religione, la vita di famiglia e la salute. “L’amore della verità cerca il sacro tempo libero, la necessità dell’amore accetta il giusto lavoro” [Sant’Agostino, De civitate Dei, 19, 19]. È doveroso per i cristiani che dispongono di tempo libero ricordarsi dei loro fratelli che hanno i medesimi bisogni e i medesimi diritti e non possono riposarsi a causa della povertà e della miseria. Dalla pietà cristiana la domenica è tradizionalmente consacrata alle opere di bene e agli umili servizi di cui necessitano i malati, gli infermi, gli anziani. I cristiani santificheranno la domenica anche dando alla loro famiglia e ai loro parenti il tempo e le attenzioni che difficilmente si possono loro accordare negli altri giorni della settimana. La domenica è un tempo propizio per la riflessione, il silenzio, lo studio e la meditazione, che favoriscono la crescita della vita interiore e cristiana » (Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 2184-2186). Pregate, pregate, pregate!; fate in modo che la preghiera diventi per voi gioia…

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1354 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.