Il pensiero del giorno: Gv 17,20-26

Don Piero Cantoni 3 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno: Gv 17,20-26

« Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato. E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano una sola cosa come noi siamo una sola cosa. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mondo conosca che tu mi hai mandato e che li hai amati come hai amato me. Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo. Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro » (Gv 17,20-26).

La partecipazione alla comunione divina che Gesù offre non è limitata al primo gruppo di discepoli ma include tutti i discepoli, va al di là del luogo e del tempo. La loro descrizione come « quelli che crederanno in me mediante la loro parola » implica che il compito dei suoi discepoli sarà quello di far conoscere Gesù e il Padre (Mt 18,19). Gesù ha donato ai discepoli la Parola del Padre, che è lui stesso (Gv 17,14) e questa stessa parola, che rimane nei discepoli (Gv 8,31; 15,7), continua a risuonare nel mondo e a incontrare gli uomini attraverso la loro testimonianza. La preghiera di Gesù che i suoi discepoli « siano una sola cosa » ci fa comprendere che questa partecipazione all’unità va al di là del tempo e dello spazio, perché è la stessa comunione che intercorre tra il Padre e il Figlio nell’amore dello Spirito Santo: « come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi ». Questo legame invisibile diventa visibile nell’unità della Chiesa. Nella misura in cui quest’unità viene percepita attraverso le sue debolezze terrene e storiche la Chiesa diventa testimone dell’unità di Dio ed illumina il mondo che resiste alla grazia della fede, preso com’è da tutte le sue “dissociazioni”, divisioni, incomprensioni, contrapposizioni rabbiose in cui all’odio si risponde con l’odio. Quando la luce penetra nelle tenebre, il mondo riprende a vivere e a sperare. È come se il cielo scendesse sulla terra. « Con la sua morte e la sua Risurrezione Gesù Cristo ci ha “aperto” il cielo. La vita dei beati consiste nel pieno possesso dei frutti della Redenzione compiuta da Cristo, il quale associa alla sua glorificazione celeste coloro che hanno creduto in lui e che sono rimasti fedeli alla sua volontà. Il cielo è la beata comunità di tutti coloro che sono perfettamente incorporati in lui. Questo mistero di comunione beata con Dio e con tutti coloro che sono in Cristo supera ogni possibilità di comprensione e di descrizione. La Scrittura ce ne parla con immagini: vita, luce, pace, banchetto di nozze, vino del Regno, casa del Padre, Gerusalemme celeste, paradiso: “Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, queste ha preparato Dio per coloro che lo amano” (1Cor 2,9). A motivo della sua trascendenza, Dio non può essere visto quale è se non quando egli stesso apre il suo Mistero alla contemplazione immediata dell’uomo e gliene dona la capacità. Questa contemplazione di Dio nella sua gloria celeste è chiamata dalla Chiesa “la visione beatifica”: “Questa sarà la tua gloria e la tua felicità: essere ammesso a vedere Dio, avere l’onore di partecipare alle gioie della salvezza e della luce eterna insieme con Cristo, il Signore tuo Dio, […] godere nel Regno dei cieli, insieme con i giusti e gli amici di Dio, le gioie dell’immortalità raggiunta [San Cipriano di Cartagine, Epistulae, 56, 10, 1: PL 4, 357B]. Nella gloria del cielo i beati continuano a compiere con gioia la volontà di Dio in rapporto agli altri uomini e all’intera creazione. Regnano già con Cristo; con lui “regneranno nei secoli dei secoli” (Ap 22,5) [cfr. Mt 25,21; Mt 25,23] » (Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 1026-1029). La Chiesa è il cielo in terra. In molte delle nostre chiese di mattoni, che sono state realizzate come simbolo della Chiesa di uomini, il soffito appare come un cielo aperto con tanti angioletti che guardano in basso divertiti… Entrare in Chiesa, se lo facciamo con fede, vuol dire sperimentare la protezione di una famiglia composta di angeli e di santi, che rimanda, come al suo principio trascentente, al Padre, al Figlio e al loro Amore. Convertirsi vuol dire entrare in Chiesa: già ora entrare nella Chiesa terrena, celeste ed eterna, che fanno tutt’uno.

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1352 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.