Il pensiero del giorno: Lc 21,1-4

Don Piero Cantoni 4 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno: Lc 21,1-4

« Alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio. Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: “In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere” » (Lc 21,1-4)

L’episodio dell’offerta della povera vedova ci ricorda che quello che conta non sono le “dimensioni” del dono, ma la nostra volontà di donare a Dio tutto quello che abbiamo da lui. Tutto ciò che abbiamo – ma proprio tutto! – è un dono di Dio: « Che cosa possiedi che tu non l’abbia ricevuto?» (1Cor 4,7). Se è un dono tale deve rimanere, arricchito però della nostra libertà se noi, a nostra volta, lo doniamo. Sant’Ignazio di Loyola aveva ben compreso che nella nostra libertà sta quello che abbiamo di più “nostro”. È anch’essa un dono, ma un dono vero e reale, non un’illusione. Dio ci ha fatto il dono di essere liberi. Se allora noi – liberamente! – facciamo a Dio il dono della nostra libertà, per quanto piccola, fragile e condizionata essa sia, gli doniamo tutto. Non qualcosa di superfluo, ma proprio tutto. Così facendo rimaniamo nella logica del dono che noi stessi siamo, nella logica della “grazia” e dell’amore. «Accetta, Signore, tutta la mia libertà. Prendi la mia memoria, il mio intelletto e tutta la mia volontà. Tutto quello che ho e che possiedo tu me lo hai dato: a te tutto io rendo. È tutto tuo, fanne quello che vuoi. Dammi solo l’amore di te e la tua grazia, perché questa mi basta» (Esercizi Spirituali, n. 234). Così facendo viviamo concretamente l’insegnamento che Gesù ci ha trasmesso lodando il gesto della povera vedova; i nostri due soldini, gettati nel tesoro della volontà di Dio, pur tintinnando poveramente, possono fare un rumore immenso! Se io ho donato la mia libertà, cerco sempre in tutte le cose solo l’amore di Gesù. Le mie cose Gesù mi chiede di “darle”, cioè di usarle sempre e solo per amor suo: « Ai suoi discepoli Gesù chiede di preferirlo a tutto e a tutti, e propone di “rinunziare a tutti” i loro “averi” (Lc 14,33) per lui e per il Vangelo [cfr. Mc 8,35]. Poco prima della sua Passione ha additato loro come esempio la povera vedova di Gerusalemme, la quale, nella sua miseria, ha dato tutto quanto aveva per vivere [cfr. Lc 21,4]. Il precetto del distacco dalle ricchezze è vincolante per entrare nel Regno dei cieli » (Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 2544). Che cosa vuol dire essere distaccati dalle ricchezze (molte o poche non ha assolutamente importanza)? Vuol dire conservare nei loro confronti la santa e divina libertà di usarle sempre per Amore di Dio.

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1352 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.