Il pensiero del giorno: Mc 16,15-20

Don Piero Cantoni 2 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno: Mc 16,15-20

« E disse loro: “Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno”. Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano » (Mc 16,15-20). 

Gesù ha appena rimproverato gli Undici per la « loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto » (16,14); questo però non gli impedisce di affidare a loro l’incarico di evangelizzare il mondo. Per annunciare con efficacia il Vangelo non è assolutamente necessario essere robusti e dotti, ma è richiesto essere umili e fedeli. Gli Apostoli sono stati provati nella fede perché non mettessero la loro fiducia nelle loro forze, che si erano dimostrate deboli e fragili, ma nel mandato del Signore. Oggi la Chiesa (cioè tutti noi: pastori e fedeli, fedeli e pastori) è chiamata ad un “nuova evangelizzazione”.

Non nuova nel contenuto che è il Vangelo di Gesù « lo stesso ieri e oggi e per sempre! » (Eb 13,8), ma nuova « nel suo ardore, nei suoi metodi, nelle sue espressioni » (san Giovanni Paolo II, Santo Domingo, 1992). Gesù elenca cinque segni che accompagneranno gli annunciatori del Vangelo: 1.« nel mio nome scacceranno demòni »; 2.« parleranno lingue nuove »; 3.« prenderanno in mano serpenti », 4.« se berranno qualche veleno, non recherà loro danno »; 5.« imporranno le mani ai malati e questi guariranno ».

Tutti e cinque questi “segni” possono e debbono essere intesi in senso realistico, come miracoli che sempre accompagneranno gli uomini di Dio. Miracoli che dobbiamo credere possibili anche oggi, se veramente crediamo nel Signore Gesù. In quanto miracoli essi dipendono dalla libera volontà di Dio e quindi, proprio in quanto tali, non possono essere considerati come abituali e necessariamente legati ad ogni nostro atto di annunciatori del Vangelo. Il miracolo è, per sua natura, una libera interferenza di Dio nel corso abituale e normale delle leggi della natura e negli interventi della “preternatura” (l’agire malefico degli angeli malvagi), quindi è qualcosa di saltuario e indeducibile. Ma questi stessi segni possono essere intesi in senso simbolico (abbiamo già visto che il termine non è sinonimo di soggettivo e non storico). Tutte le volte che io, in comunione con la Chiesa, annuncio la verità del Vangelo scaccio gli spiriti della menzogna e libero tanti fratelli dal loro dominio crudele e vessatorio. La Verità scaccia l’errore, come la Luce fa fuggire le tenebre.

L’annuncio del Vangelo mi fa parlare una lingua nuova, perché è portatore di una novità trascendente. È una lingua che tutti possono capire perché è la lingua dell’amore. Se annuncio la Verità con cuore puro, cioè con intenzioni semplici e buone, senza secondi fini, posso avere a che fare con la malizia e la cattiveria degli uomini. Non ne debbo avere paura. I loro raggiri e il veleno delle loro parole non mi faranno del male. Annunciare il Vangelo vuol dire guarire gli uomini malati della loro malattia fondamentale e radicale: il peccato. Vuol dire portare conforto e consolazione nei confronti di chi soffre, è solo, è messo da parte, non è considerato da nessuno. Vuol dire portare il soccorso della verità a chi cerca, è nel dubbio, vaga a tentoni nel desiderio di trovare un punto di riferimento. Evangelizzare è l’avventura più bella e affascinante che esista: « annunciare il Vangelo non è per me un vanto, perché è una necessità che mi si impone: guai a me se non annuncio il Vangelo! » (1Cor 9,16)

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1352 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.