Il pensiero del giorno: Mt 22,1-14

Don Piero Cantoni 2 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero del giorno: Mt 22,1-14

« Gesù riprese a parlare loro con parabole e disse: “Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: “Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”. Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti” » (Mt 22,1-14). 

 

A che cosa paragonerò il regno dei cieli? A un invito a nozze. Di che nozze si tratta? Delle nozze del figlio del Re. Qui è il Figlio di Dio che si unisce intimamente alla natura umana e – quindi – per quanto sta a lui, a ciascuno di noi. Facciamo attenzione, quando partecipiamo alla Messa, al rito in cui il sacerdote versa una goccia d’acqua nel vino, pronunciando sottovoce queste parole: « L’acqua unita al vino sia segno della nostra unione con la vita divina di colui che ha voluto assumere la nostra natura umana ». La reazione peggiore a questa chiamata non è il rifiuto aperto e violento, ma l’indifferenza (« Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari »)… Mostrarsi così superficialmente indifferenti davanti ad una dichiarazione d’amore è quanto di più orribilmente offensivo ci possa essere. In questa parabola ci sarebbero tanti altri elementi da considerare: l’invito che viene rivolto prima di tutto a Israele e poi – ai crocicchi delle strade – anche alle genti, a causa del rifiuto del popolo eletto. Proprio perché gli invitati che erano stati a lungo preparati all’evento se ne sono disinteressati quando l’evento è successo, esso è stato esteso ai personaggi più improbabili: « Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni ».

Solo se abbiamo davanti agli occhi l’enormità dell’invito a loro rivolto comprendiamo che cosa sta succedendo e quanto questo ci riguarda. Quante persone che frequentano la Chiesa hanno smesso di stupirsi per la grandezza della chiamata loro rivolta… Una proposta che non stupisce più di tanto chi è in buona salute e ha qualche soldo in tasca, ma appare come irraggiungibile a chi sta troppo male e quindi si dispera e si ribella. La proposta di Dio: “voglio unirmi a te e fare tutt’uno con te” è tale da sconvolgere chi è troppo povero di meriti e di forze. Sorprende e meraviglia chi è impreparato davanti a un tale sconfinato ed evidentemente immeritato amore. Bisogna perciò indossare la veste nuziale: bisogna cioè lasciarci trasformare in Cristo Gesù… Questa è la vera conversione. Chi rimane fuori di quelli raccattati ai crocicchi, buoni e cattivi? Non sono i cattivi, ma quello che non indossa la veste nuziale. Perché uno solo? Perché posso essere anche solo io…

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1351 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.