Il pensiero della Vigilia di natale

Don Piero Cantoni 4 anni fa
Prima pagina  /  Spiritualità  /  Il pensiero del giorno  /  Il pensiero della Vigilia di natale

« Zaccaria, suo padre, fu colmato di Spirito Santo e profetò dicendo: “Benedetto il Signore, Dio d’Israele, perché ha visitato e redento il suo popolo, e ha suscitato per noi un Salvatore potente nella casa di Davide, suo servo, come aveva detto per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo: salvezza dai nostri nemici, e dalle mani di quanti ci odiano. Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri e si è ricordato della sua santa alleanza, del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, di concederci, liberati dalle mani dei nemici, di servirlo senza timore, in santità e giustizia al suo cospetto, per tutti i nostri giorni. E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade, per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza nella remissione dei suoi peccati. Grazie alla tenerezza e misericordia del nostro Dio, ci visiterà un sole che sorge dall’alto, per risplendere su quelli che stanno nelle tenebre e nell’ombra di morte, e dirigere i nostri passi sulla via della pace” » (Lc 1,67-79)

Il cantico di Zaccaria, detto “Benedictus” dalla prima parola della sua versione latina, celebra la fedeltà di Dio alla sua alleanza con Israele. È recitato (o cantato) durante le Lodi nella preghiera liturgica ufficiale della Chiesa. « “Ma quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare coloro che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli” (Gal 4,4-5). Ecco la Buona Novella riguardante “Gesù Cristo, Figlio di Dio” (Mc 1,1): Dio ha visitato il suo popolo [cfr. Lc 1,68], ha adempiuto le promesse fatte ad Abramo ed alla sua discendenza [cfr. Lc 1,55]; ed è andato oltre ogni attesa: ha mandato il suo “Figlio prediletto” (Mc 1,11) » (Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 422); « “Venne un uomo mandato da Dio e il suo nome era Giovanni” (Gv 1,6). Giovanni è “pieno di Spirito Santo fin dal seno di sua madre” (Lc 1,15; Lc 1,41) per opera dello stesso Cristo che la Vergine Maria aveva da poco concepito per opera dello Spirito Santo. La “visitazione” di Maria ad Elisabetta diventa così visita di Dio al suo popolo [cfr. Lc 1,68] » (Ibid., n. 717). La Chiesa così ci insegna ad incominciare la nostra giornata con un canto di lode davanti al miracolo del sole che sorge. Ogni volta che sorge il sole siamo posti davanti al simbolo della venuta del Redentore: come la luce scaccia le tenebre e ci mette nella condizione di camminare con sicurezza lungo la via senza inciampare e cadere, così la luce che viene da Gesù ci libera da « inquietudini, scrupoli, tristezze, false ragioni ed altri disturbi dello stesso genere » (Esercizi Spirituali, n. 315) che ci impediscono di progredire verso Dio.

Categorie:
  Il pensiero del giorno, Spiritualità
Autore

 Don Piero Cantoni

  (1351 Articoli)

Don Pietro Cantoni nasce a Piacenza il 19 aprile 1950. Autore di numerose pubblicazioni, è stato professore stabile di teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano “Mons. Enrico Bartoletti” di Camaiore (LU). Fondatore della Fraternità san Filippo Neri nella diocesi Massa Carrara – Pontremoli, è membro del capitolo nazionale di Alleanza Cattolica e guida Esercizi ignaziani dal 1975.