Alle radici della apostasia moderna: la massoneria

Alleanza Cattolica 36 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Alle radici della apostasia moderna: la massoneria

Cristianità n. 110-111 (1984)

 

Nel primo centenario del più importante documento pontificio contro il naturalismo e le sue conseguenze

Alle radici della apostasia moderna: la massoneria

 

Il testo straordinariamente attuale della enciclica Humanum genus, pubblicata dal Pontefice Leone XIII nel 1884 contro la setta che mira a distruggere dalle fondamenta l’ordine religioso e sociale nato dalle istituzioni cristiane, e che favorisce i disegni dei socialisti e dei comunisti, con i quali ha in comune i princìpi essenziali.

Alle origini, per esempio, dell’indifferentismo e dell’ugualitarismo religiosi, della separazione tra Chiesa e Stato, del monopolio statale della educazione, del divorzio.

È stata abolita la scomunica contro la massoneria? Le tesi del progressismo e dell’“ecumenismo» filomassonico.

Chiesa e massoneria nel centenario della enciclica leoniana e alla luce della nuova codificazione canonica.

Immutato e confermato l’antico giudizio di condanna della Chiesa nei confronti della massoneria – espresso in ben 586 documenti nel corso di poco meno di 250 anni, dal 1738 al 1983 -, sulla base della inconciliabilità fra i princìpi cattolici e quelli massonici.

 

 

Categorie:
  Cristianità, Editoriali e note non firmate
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2698 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.