«Bugiardi, bugiardi»! La verità sul regime albanese e sul governo italiano

Alleanza Cattolica 29 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  «Bugiardi, bugiardi»! La verità sul regime albanese e sul governo italiano

Cristianità n. 191-192 (1991)

 

Denuncia di Alleanza Cattolica

Dopo che il mondo socialcomunista è entrato in “ristrutturazione”, qualche mutamento si è verificato anche nella Repubblica Popolare Socialista d’Albania, nonostante si dicesse che era isolata.

 

Immediatamente, numerosi albanesi — soprattutto giovani — si sono diretti verso l’Italia, considerandola una terra di libertà, senza prestar fede a un preteso processo di “democratizzazione” in corso nel loro paese, guidato dai despoti di ieri e di oggi.

 

Ma questi infelici non sapevano che in Italia, oltre agli italiani, vi è il governo di pentapartito guidato dall’on. Giulio Andreotti, che, invece di accoglierli, se non sulla base di considerazioni politiche oppure umanitarie, almeno sulla base delle positive disposizioni di legge,

 

1. abbandona i rifugiati al loro destino, ritardando in ogni modo l’attivarsi della protezione civile, sì che alcuni gli preferiscono il governo di Ramiz Alia e ripartono per l’Albania al grido di “Bugiardi, bugiardi”;

 

2. incita il governo albanese alla repressione, assicurando a esso aiuti economici e schierando la flotta italiana a “difesa” della costa pugliese dall’”aggressione” del boat people albanese, esposto — in caso di ritorno in patria e sulla base della legislazione ivi vigente — a essere punito anche con la condanna a morte;

 

3. pur governando uno dei popoli più tassati del mondo, lancia uno scandaloso appello al volontariato“Ci pensino le famiglie” —, denunciando una presunta impossibilità da parte dello Stato a far fronte all’emergenza.

 

Lo stesso governo della Repubblica Italiana, che fino a ieri, cioè fino alla cessazione della guerra del Golfo, ha parlato di diritti conculcati dei kuwaitiani, per i quali ci si doveva battere in campo aperto… oggi rifiuta asilo politico a uomini le cui necessità sono visibili a occhio nudo.

 

Alleanza Cattolica

 

mentre denuncia il governo della menzogna e della vergogna,

invita tutti gli italiani, in specie i cattolici, a non dimenticare questi comportamenti che offendono la giustizia — anche quella positiva — e la carità,

e a sollecitare l’intervento di ogni autorità sociale e l’impegno della classe politica perché i pubblici poteri accolgano tutti i profughi albanesi e li riconoscano come rifugiati politici.

 

11 marzo 1991

San Costantino

Categorie:
  Cristianità, Editoriali e note non firmate
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.