“Cavina: c’è un piccolo guerriero che vuole vivere. Lavoriamo per il suo bene, continuando a pregare”

Alleanza Cattolica 2 anni fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “Cavina: c’è un piccolo guerriero che vuole vivere. Lavoriamo per il suo bene, continuando a pregare”

Da Avvenire del 25/04/2018. Foto da articolo 

«Ho lavorato in stretta collaborazione con l’Ospedale Bambino Gesù. Le iniziative che riguardano il piccolo Alfie sono state prese di comune accordo, sempre nel rispetto del dialogo reciproco, per cercare insieme le soluzioni migliori per Alfie». È cauto monsignor Francesco Cavina, vescovo di Carpi, incaricato dal Papa mercoledì scorso durante l’udienza privata accordata, grazie ai suoi buoni uffici, a Tom Evans di «mantenere i rapporti con la Segreteria di Stato perché il Bambino Gesù faccia tutto il possibile per potere accogliere Alfie» che – dice Cavina all’agenzia Sir – «è un piccolo guerriero che vuole vivere». «Ora – aggiunge poi in una nota – si sta operando su tutti i fronti. La cosa assolutamente incomprensibile è la non volontà di offrire una possibilità diversa ad Alfie. Una decisione che va contro ogni logica umana, di razionalità e di buonsenso». In questa settimana la diplomazia vaticana si è mossa con grande discrezione e altrettanta concretezza. A darle un volto pubblico Mariella Enoc, presidente del Bambino Gesù, che nella drammatica giornata di lunedì si è recata a Liverpool, spiega Cavina, «per esprimere da un punto di vista “quasi fisico’ la volontà della Santa Sede e del Pontefice che i genitori di Alfie possano avere la libertà di portare il loro bambino dove ritengono sia necessario per le sue cure». Il Bambino Gesù da tempo «si è dimostrato pronto a fare fronte a qualsiasi richiesta e per l’immediato trasferimento del piccolo». Monsignor Cavina sottolinea una «ostinazione anti-curativa che si pone all’opposto delle cure palliative: il bambino doveva morire dopo poco tempo dal distacco del ventilatore e invece continua a respirare e a vivere. I medici come spieganoquesto fatto? E soprattutto: cosa stanno facendo per garantirgli di continuare a vivere?». Indispensabile continuare a pregare: «A fronte di ciò che è umanamente impossibile noi come credenti abbiamo un’ulteriore arma: la forza della preghiera.

L’appello per creare una rete di preghiera ha avuto risonanza oltre ogni aspettativa. Alfie, anche dopo che i medici hanno staccato il respiratore, ha continuato a vivere: ora, sempre supponendo che la diagnosi fatta a Liverpool fosse corretta, siamo di fronte a un miracolo frutto dell’intercessione della preghiera cui tantissimi si sono rivolti, in modo privato o insieme nelle parrocchie e nelle diverse realtà ecclesiali».

 

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.