“Chi deve nascere è persona. Tutela della vita senza lacune”

Il feto inizia a essere considerato persona dall’«inizio del travaglio» e non già solo dal successivo momento del «distacco dall’utero materno ».
Alleanza Cattolica 1 anno fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “Chi deve nascere è persona. Tutela della vita senza lacune”

Di Marcello Palmieri da Avvenire del 22/06/2019. Foto da articolo

Il feto inizia a essere considerato persona dall’«inizio del travaglio» e non già solo dal successivo momento del «distacco dall’utero materno ». Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza 27539/2019, depositata giovedì sera, confermando l’orientamento inaugurato nel 2008. Se dunque un sanitario provoca colposamente la morte di un bimbo nelle fasi immediatamente precedenti la nascita risponderà di omicidio e non di feticidio (aborto), al di fuori delle condizioni previste dalla legge 194.

La Corte, per motivare la sua decisione, precisa innanzitutto che «i reati di omicidio e di infanticidio-feticidio tutelano lo stesso bene giuridico, e cioè la vita dell’uomo nella sua interezza». Poi entra nel dettaglio, affermando che «il nascente vivo non è più feto, né in senso biologico, né in senso giuridico, bensì persona». E sulla premessa che «la tutela della vita non può soffrire lacune » (un «principio irrinunciabile»), chiarisce che «l’illecito commesso sarà un omicidio o un procurato aborto a seconda che il nascente abbia goduto di vita autonoma o meno». Eventualità, la prima, esistente appunto dal momento del travaglio.

A provocare questa pronuncia era stato il ricorso di un’ostetrica di Salerno contro la condanna in primo e in secondo grado per aver colposamente provocato la morte di un bimbo durante il travaglio. Tra le sue tesi difensive nel ricorso in Cassazione vi era pure il sospetto d’illegittimità costituzionale sull’attuale formulazione dell’articolo che punisce l’omicidio colposo: «In ragione delle più recenti evoluzioni culturali e giurisprudenziali in tema di status e tutela del prodotto del concepimento – così i giudici riassumono in sentenza la sua posizione, prendendo poi le distanze –l’articolo 589 del Codice penale viola i principi di tassatività, frammentarietà e sufficiente determinatezza della fattispecie penale, perché non fornisce un’accezione univoca del concetto di ‘persona’, eventualmente escludendo o includendo anche il feto umano». Nel respingere questa visione, i giudici rilevano come «tale disciplina» rispecchi «un quadro normativo giurisprudenziale italiano e internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e dal concepito si è poi estesa fino all’embrione». Tra le pronunce che hanno disegnato questo quadro, osserva ancora la Cassazione, ve n’è una pronunciata dalla Grande Camera – la composizione più autorevole – della Corte europea per i diritti dell’uomo (Cedu): quella del 27 agosto 2015, che, dando torto alla ricorrente, ha affermato l’inesistenza di contrasti tra la Convenzione europea per i diritti dell’uomo e la legge 40 italiana laddove quest’ultima vieta l’uso di embrioni umani per la ricerca scientifica. Ma se, da un lato, la giurisprudenza non ha dubbi sulla natura di persona rivestita dal feto che sta per nascere, dall’altro ancora non è chiara la sua soggettività nella fase precedente, a partire dal concepimento. La legge 40, all’articolo 1, dichiara di assicurare «i diritti di tutti i soggetti coinvolti, compreso il concepito», con ciò lasciando intendere l’esistenza in capo a quest’ultimo della dignità di persona. Lettura confermata dalla sentenza dell’altro giorno, per cui «il legislatore ha sostanzialmente riconosciuto anche al feto la qualità di uomo vero e proprio, giacchè la morte è l’opposto della vita».

Eppure, a certe condizioni, la legge 194 sull’aborto consente la soppressione dell’embrione, cosa decisamente contrastante con la sua natura umana. Ancora, con la sentenza 229 del 2015 la Corte costituzionale ha sì ritenuto l’embrione «non certamente riducibile a mero materiale biologico», e dunque non sopprimibile arbitrariamente, ma senza spingersi a chiarire definitivamente la sua natura. Di conseguenza, ancora oggi, resta oggetto di discussione quale sia il suo grado di ‘soggettività’. Almenofino al travaglio.

BIODIRITTO

Respingendo il ricorso di un’infermiera che aveva causato la fine prematura di un nascituro, la Suprema Corte invita a guardare all’«ampliamento della nozione di soggetto meritevole di protezione»La Cassazione afferma che durante il travaglio il feto è da considerare un essere umano a tutti gli effetti La sua morte provocata colposamente è dunque omicidio e non feticidio

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.