Congresso della Lega Mondiale Anticomunista

Alleanza Cattolica 7 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Congresso della Lega Mondiale Anticomunista

Cristianità n. 67 (2013)

Iniziato con un minuto di silenzio per le vittime del marxismo nel mondo, il 13º Congresso internazionale della Lega Mondiale Anticomunista, tenutosi a Ginevra nello scorso luglio, ha suscitato la reazione sdegnata de La Pravda, che il 12 agosto 1980 ha duramente attaccato la Lega organizzatrice del Congresso, accusandola di combattere “tutto ciò che è progressista” e soprattutto “il socialismo reale: il movimento comunista internazionale“. La significativa presenza, tra gli altri, di 250 delegati di altrettanti paesi del mondo, molti dei quali ancora sottoposti al giogo totalitario del marxismo.

 

 

Dal 25 al 27 luglio 1980 si è tenuto presso il Centre International de Conferences di Ginevra il 13º Congresso internazionale della World Anticommuniste League (WACL), organizzato dal capitolo Svizzero dell’associazione.

La WACL è stata fondata nel 1966 a Seul, nella Corea del Sud, da alcuni paesi del Sud Est asiatico spinti ad unirsi dalla necessità di far fronte alla minaccia comunista. Il primo congresso annuale internazionale si è tenuto a Taipei (Cina libera) nel 1967; l’ultimo, prima di Ginevra, ad Asuncion (Paraguay) nel 1979. Al paraguaiano Juan Manuel Frutoz, a Ginevra è succeduto come presidente dell’associazione, seguendo la rotazione annuale, lo svizzero Pierre Schifferli. Presidente onorario e fondatore della WACL è il dr. Ku Cheng Kang, esponente di rilievo della Cina libera, che fornisce tuttora il principale appoggio alla associazione.

La WACL studia i problemi posti dalla estensione della sovversione comunista, proponendosi la difesa della libertà e della autodeterminazione dei popoli contro la minaccia totalitaria. Questi temi sono stati trattati anche a Ginevra da illustri conferenzieri. Segnaliamo, tra le relazioni, quelle tenute dal deputato svizzero André Gautier su La democrazia svizzera; dal generale belga Robert Close, presidente della commissione per i Problemi Nazionali di Difesa su L’Europa senza difesa; dal dr. Homayoun Shah Assify, afgano, su L’Afganistan oggi; dal cardinale Julio R. Rosales, arcivescovo di Cebu nelle Filippine, su Marxismo e Cristianesimo; dal prof. Jean Hoffmann, francese, su Un’arma segreta del progressismo marxista: l’infiltrazione delle religioni; dal colonnello francese Lechat su Strategia totale e carenze occidentali; dal prof. Ray Cline, del Center for strategic and international studies dell’Università di Georgetown, su Orientamenti delle potenze mondiali e strategia delle alleanze; dal prof. Valentin Moroz, ucraino su I diritti dell’uomo in Unione Sovietica; infine, dallo scrittore francese Pierre de Villemarest su L’aiuto tecnologico dell’Occidente al militarismo sovietico.

Al congresso hanno partecipato delegati ed osservatori in rappresentanza di ottantanove diversi paesi del mondo. Su invito del capitolo svizzero, esponenti di Alleanza Cattolica hanno seguito i lavori in qualità di osservatori.

Categorie:
  Cristianità, Editoriali e note non firmate
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.