Dichiarazione di mons. Bruno Forte circa l’omicidio avvenuto a Vasto

Alleanza Cattolica 3 anni fa
Prima pagina  /  Comunicati  /  Dichiarazione di mons. Bruno Forte circa l’omicidio avvenuto a Vasto
Riprendiamo dai quotidiani di oggi e pubblichiamo quanto dichiarato sulla vicenda dell’omicidio di Italo D’Elisa da Mons. Bruno Forte, Vescovo di Chieti-Vasto. Italo Investì e uccise la moglie di Fabio Di Lello, Roberta.
“Avverto innanzitutto un senso di grande dolore per le tre giovani vite spezzate, quella della ragazza morta per l’incidente, quella del giovane ucciso e quella dell’assassino, perché la sua esistenza è stata stravolta in maniera profonda. Quello che addolora è che questo giovane, esasperato dalle lentezze di una giustizia che a suo avviso non dava segni nei confronti di colui che aveva investito la moglie, abbia reagito facendosi giustizia da sé. La vendetta non è mai giustizia. La vendetta produce solo ulteriore sofferenza e altri mali. Da una parte, dunque, va ribadito il no assoluto a cercare giustizia da sé, dall’altra va colta una sollecitazione alla giustizia perché sia più rapida. Una giustizia lenta non è mai giustizia e può produrre anche effetti tragici come questi a cui si è assistito a Vasto. Al di là delle precisazioni tecnico-giuridiche, che competono giustamente ai magistrati, era questo il sentimento popolare diffuso di fronte a una giovane vita spezzata, quella della giovane moglie uccisa. Appare chiaro che tra la gente c’era un’esigenza di giustizia e verità, espressasi anche in una fiaccolata con larga partecipazione di popolo. Evidentemente, giustizia non è mai giustizialismo, né quel movimento di opinione, legittimo in sé, poteva giustificare l’uso della violenza su colui che era stato responsabile dell’incidente”.
S.E. Rev.ma Mons. Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti – Vasto
Categoria:
  Comunicati
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2698 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.