“È grazie al Miracolo della Vistola che i cosacchi non giunsero a San Pietro”

I cent’anni della battaglia
Marco Invernizzi 2 settimane fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “È grazie al Miracolo della Vistola che i cosacchi non giunsero a San Pietro”

Di Marco Invernizzi dalla rubrica di Tempi “Ogni giorno è un family day” di giugno 2020

Il 1920 non è solo l’anno in cui nacque Karol Wojtyla, ma anche l’anno
in cui avvenne in Polonia il “Miracolo della Vistola”.

Secondo i disegni di Lenin, il comunismo poteva arrivare in Occidente con la forza delle armi, al seguito dell’Armata Rossa guidata da Lev Trotskij, composta da circa tre milioni di soldati. Per “sfondare” in Occidente i bolscevichi avrebbero dovuto sconfiggere l’esercito della appena ricostituita Repubblica di Polonia. Questo esercito era guidato da un maresciallo, Jòzef Pilsudski (1867-1935), che aveva combattuto durante la Prima guerra mondiale con una legione di polacchi inquadrata nell’esercito dell’Impero d’Austria e Ungheria. Pilsudski, nonostante le simpatie socialiste della giovinezza, era essenzialmente un patriota polacco che dopo la ricostituzione della Polonia in seguito ai trattati di Versailles dopo la fine della Grande Guerra, divenne il capo dello Stato e il comandante supremo dell’esercito del suo Paese. Le frizioni fra russi e polacchi non erano una novità, ma nuova era l’ideologia che ora dominava al Cremlino, la cui aggressività non era dovuta a fini nazionalistici ma al tentativo di esportare la rivoluzione comunista in tutto il mondo, partendo dalla conquista dell’Europa.

Erano i primi di agosto e l’esercito comunista, guidato dal generale Michail Nikolaevič Tuchačevskij (1893-1937) sembrava ormai destinato a entrare e a conquistare la capitale Varsavia. Fu però proprio in questa situazione che Pilsudski manifestò la sua grande capacità militare riuscendo a guidare una controffensiva alla quale non credeva più nessuno. Dietro di lui c’era un popolo che riempiva le chiese di Polonia chiedendo alla Madonna Nera di realizzare un miracolo, e in lui speravano quanti in Occidente si rendevano conto che se l’Armata Rossa avesse sconfitto l’esercito polacco non avrebbe conquistato soltanto Polonia, Romania e Cecoslovacchia, ma sarebbe penetrata in Germania e forse così arrivare a Roma. Lo stesso cardinale Achille Ratti (1857-1939), il futuro papa Pio XI, che era allora nunzio apostolico in Polonia, domandò quali erano le possibilità di una vittoria e si sentì rispondere che in quel momento potevano di più le preghiere delle capacità militari. Detta così sembra un’ovvietà, ma allora questa risposta dovette apparire come l’ammissione che ci voleva un miracolo.

E il miracolo ci fu. Avvenne nei pressi della Vistola, il fiume più lungo della Polonia che bagna Varsavia e sfocia a Danzica, nel Mare Baltico. Lungo queste sponde cominciò la controffensiva del generale polacco che inferse una sconfitta plateale all’esercito comunista e così salvò l’indipendenza appena riconquistata della Polonia e la libertà dell’Occidente.

Naturalmente noi occidentali ce ne siamo dimenticati, sia allora che dopo. Oggi l’unico libro in italiano che tratta della battaglia che ci salvò dalla penetrazione del comunismo è un bel racconto di storia militare di Adam Zamoyski (16 agosto 1920. La battaglia di Varsavia, Corbaccio 2009). Io devo a Giovanni Cantoni l’avere compreso l’importanza di questa battaglia, a qualche suo scritto ma soprattutto alla sua rievocazione orale. La guerra è sempre una tragedia e anche questa lo fu, coi suoi morti e feriti e con le sue atrocità da entrambe le parti. Ma fu una battaglia che salvò una buona parte del mondo dalle sofferenze che i regimi comunisti hanno inflitto a chi non è riuscito a sottrarsi al loro dominio. Loro, i sovietici, sembra che non l’abbiano dimenticata se è vero che ci fu un diretto collegamento fra la strage che i sovietici fecero di 22 mila ufficiali polacchi nella foresta di Katyn, nel 1940, e la battaglia di Varsavia di 20 anni prima.

Le parole di Giovanni Paolo II

Noi oggi possiamo pregare per tutti quei morti e riportarla alla luce con le parole che disse a Luigi Geninazzi uno che certamente quella battaglia non la ha mai dimenticata, san Giovanni Paolo II: «Sono nato nel 1920, nel mese di maggio, quando i bolscevichi accerchiavano Varsavia. Per questo, fin dalla nascita, mi sento particolarmente debitore verso coloro che lottarono per la libertà ottenendo una vittoria insperata. Posso dire che la mia vita ha avuto inizio nel segno del miracolo della Vistola» (Tempi, 16 ottobre 2013).

Foto redazionale

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Marco Invernizzi

  (266 Articoli)

Marco Invernizzi nasce a Milano nel 1952. Nel 1977 si laurea in filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore con una tesi su Il periodico "Fede e Ragione" nell'ambito della storia del Movimento Cattolico italiano dal 1919 al 1929, relatore il professor Luigi Prosdocimi. Dopo gli studi universitari continua ad approfondire, in modo non puramente intellettualistico - dal 1972 milita in Alleanza Cattolica, della quale è stato responsabile per la Lombardia e per il Veneto fino al 2016-, le vicende del movimento cattolico in Italia. Ha pubblicato, fra l'altro, L'Unione Elettorale Cattolica Italiana. 1906-1919. Un modello di impegno politico unitario dei cattolici(Cristianità, Piacenza 1993); La Chiesa, la politica, il potere attraverso i secoli (contributo a Processi alla Chiesa. Mistificazione e apologia, a cura di Franco Cardini, Piemme, Casale Monferrato 1994); e, con altri, I Papi del nostro secolo, parte prima Da Leone XIII a Pio XII (Italica Libri/Editoriale del Drago, Milano 1991); e Guida introduttiva alla storia della Chiesa cattolica (Mimep-Docete, Pessano [Milano]). Collabora a Cristianità e ad altre riviste e quotidiani. Dal 1989 conduce a Radio Maria la trasmissione settimanale La voce del Magistero. Nella linea di quanto già edito si pone Il movimento cattolico in Italia dalla fondazione dell'Opera dei Congressi all'inizio della seconda guerra mondiale (1874-1939), un'opera di sintesi in cui viene ripercorsa la storia del movimento cattolico, con particolare attenzione alle sue espressioni politiche, dalla Breccia di Porta Pia alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Dal 28 maggio 2016 è Reggente Generale di Alleanza Cattolica. Facebook - Instagram - Cathopedia