“E’ il momento della pressione internazionale per l’autonomia di Hong Kong”

Alleanza Cattolica 1 mese fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “E’ il momento della pressione internazionale per l’autonomia di Hong Kong”

Da Il Foglio del 28/05/2020. Foto da articolo

L’Assemblea nazionale del popolo, come previsto, ha approvato ieri la nuova legge sulla sicurezza nazionale da applicare alla regione autonoma di Hong Kong. Nell’ultimo giorno delle Due sessioni, il momento cerimoniale più importante della vita politica di Pechino, la nuova normativa sull’ex colonia inglese è stata la notizia principale sia sui media cinesi sia sui media internazionali – nonostante le poche, secche parole con cui ha commentato l’approvazione il premier Li Keqiang nella conferenza stampa fiume che ha chiuso la giornata politica. Sull’autonomia di Hong Kong si sta giocando una delle partite più importanti di questa specie di nuova Guerra fredda tra Washington e Pechino. La decisione del dipartimento di stato americano di notificare al Congresso la fine dell’autonomia della regione, ventiquattr’ore prima del primo via libera da parte dei funzionari cinesi, ha avuto il valore di un avvertimento. Per ora si parla molto di reazioni eventuali da parte dell’America – sanzioni per violazione dei diritti umani, revoca dello status speciale di Hong Kong – ma non si è passati ai fatti. Perché in realtà la norma non solo non è entrata in vigore, ma nelle prossime settimane potrebbe cambiare, alleggerirsi, modificarsi. Il testo, di cui ieri si sono potuti leggere i primi dettagli, adesso passa al Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo, poi al comitato di Hong Kong che si occupa di gestire la Basic Law, poi ci sarà la promulgazione formale della chief executive, il capo del governo locale, Carrie Lam. Anche a sentire gli attivisti di Hong Kong gli spazi di manovra per cambiare qualcosa della controversa legge sulla sicurezza ci sono, ma serve soprattutto l’aiuto dalla comunità internazionale affinché questo avvenga. E non è detto che le minacce di Donald Trump siano davvero costruttive, perché l’America, con la Cina, gioca su molti tavoli contemporaneamente e bisogna capire quali saranno, di volta in volta, le priorità di Washington (e della campagna elettorale). 

E’ vero che Hong Kong non sarà mai più la stessa, ma non lo era più già dal 2019, quando il patto sociale tra cittadini e governo, tra cittadini e forze di polizia, si è rotto. Se la legge sulla sicurezza di Pechino fosse approvata così com’è, però, la lunga mano del Partito comunista potrebbe arrivare ovunque: l’attivismo potrebbe diventare illegale, così come tutte le attività considerate “secessioniste o sediziose”. In caso di violazione delle norme sulla sicurezza i giudici potranno chiedere l’arresto in carcere. E poi, la cosa che più si teme a Hong Kong, le agenzie di sicurezza di Pechino potrebbero essere autorizzate ad aprire dei distaccamenti sul territorio dell’ex colonia inglese. Nella versione del Partito, ovviamente, la sicurezza nazionale “è come l’aria”, cioè serve per far sopravvivere tutti, sia i cittadini di Hong Kong sia quelli cinesi. E proprio per questo ieri è stata data molta importanza a una norma contenuta nella legge che autorizza la Cina a prendere “contromisure” contro le interferenze di paesi stranieri sugli affari di Hong Kong. 

Ieri diversi paesi hanno iniziato a far montare la pressione contro Pechino. Per esempio il Giappone, che ha un rapporto privilegiato, da sempre, con il porto profumato, ha convocato al ministero degli Esteri l’ambasciatore cinese a Tokyo per manifestare la propria preoccupazione. Poco dopo il portavoce del ministero degli Esteri, in una dichiarazione ufficiale, ha fatto sapere di seguire con attenzione l’evoluzione della situazione, anche insieme agli altri paesi partner. “La decisione della Cina di imporre una nuova legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong è in diretto conflitto con i suoi obblighi internazionali secondo i principi della Dichiarazione congiunta sino-britannica legalmente vincolante, depositata alle Nazioni Unite”, si legge nel primo comunicato congiunto di America, Australia, Canada e Regno Unito sulla questione Hong Kong diffuso ieri. E’ la risposta del Five Eye (meno la Nuova Zelanda) alle mire assertive di Pechino. 

A mancare all’appello è ancora l’Unione europea: oltre alle dichiarazioni di prassi sull’importanza del principio “un paese, due sistemi”, una riunione della diplomazia è stata convocata per oggi per “discutere dei rapporti tra Ue e Cina”. Il problema è che ogni paese europeo ha i suoi interessi particolari con Pechino, e difficilmente vuole emergere come il leader di una crociata anticinese. Sappiamo bene perché: chi si mette contro le politiche di Pechino subisce poi la vendetta economica. E quindi perfino Francia e Germania, solitamente molto dure su certi argomenti, non hanno ancora posizioni esplicite sulla legge sulla sicurezza. 

A distinguersi, in senso inverso però, è sempre l’Italia: ieri il presidente della commissione Esteri del Senato, Vito Petrocelli, del Movimento cinque stelle e quindi del partito che più ha dimostrato di essere in linea con Pechino, ha detto che la Cina ha tutto il diritto di fare quello che gli pare per mantenere l’ordine all’interno dei suoi confini. 

Giulia Pompili

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.