“Giancarlo Cerrelli, l’ultracattolico calabrese: nel Carroccio per le famiglie”

Alleanza Cattolica 2 anni fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “Giancarlo Cerrelli, l’ultracattolico calabrese: nel Carroccio per le famiglie”

Da Il Corriere della Sera del 29/01/2018. 

Cattolico «integrale ma non integralista», Giancarlo Cerrelli, dirigente di Alleanza
cattolica, sarà il candidato della Lega & Crotone. Da calabrese, forse un tempo non avrebbe corso per la Lega: «Forse no. Anche se ne ho apprezzato le posizioni sui temi
eticamente sensibili. Sono stati tra i pochi partiti a difendere la famiglia naturale basata sul matrimonio tra uomo e donna». Il fatto che Salvini sia divorziato non è un problema: «La vita privata di un politico non mi riguarda. lo guardo ai valori che porta avanti. Renzi o Prodi si dicono molto cattolici ma poi fanno leggi contrarie al diritto naturale». Ma un politico dovrebbe fare leggi su base religiosa? «Il punto è non fare leggi che si ritorcano contro la famiglia. Ormai, anzi, si sente parlare di famiglie, al plurale. Il tema è opporsi al pensiero unico. Una volta di andava addosso con la parola fascista, oggi con quella di omofobo». Ma l’omofobia è un valore? «No, assolutamente no. Io non me la prendo con gli omosessuali, che sono persone che meritano di essere accolte e di non essere discriminate. Ma una cosa è la persona, altra cosa sono le unioni che non hanno una vera e propria funzione sociale».

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.