La Croce della Resistenza Libanese

Alleanza Cattolica 35 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  La Croce della Resistenza Libanese

Cristianità n. 122-123 (1985)

 

La Croce della Resistenza Libanese

pastedGraphic.png

La Croce della Resistenza Libanese si ispira alle antiche croci orientali e richiama tre simboli: 

in primo luogo vuole ricordare la croce del nostro Salvatore e Signore Gesù Cristo, ed è la parte esterna, di colore rosso, simbolo del martirio e della gloria; 

in secondo luogo richiama la croce dei cristiani del Libano, ed è la parte interna, di colore bianco, che fa riferimento alle loro sofferenze e alle persecuzioni che hanno subito nel corso dei secoli; 

finalmente, il braccio verticale spezzato alla base della croce vuole simboleggiare la volontà e la determinazione dei cristiani del Libano di conservare la croce ben piantata in questa parte del mondo. 

La Croce della Resistenza Libanese è stata portata per la prima volta dalla Cappellania Generale delle Forze Libanesi in occasione della «giornata di preghiera» celebrata nel monastero di San Sciarbel ad Annaya-Jbeil il 19 aprile 1984.

 

Categorie:
  Cristianità, Editoriali e note non firmate
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2695 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.