“La vera missione rispetta i popoli”

Marco Invernizzi 3 mesi fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “La vera missione rispetta i popoli”

Da La presenza di Maria del 30/03/2020. Foto da parrocchiadisepicciano.it

Querida Amazonia è l’esortazione apostolica del 2 febbraio 2020 dopo il Sinodo dei vescovi per la regione pan-amazzonica, svoltosi a Roma dal 6 al 27 ottobre 2019. Il Papa ha “deluso” chi si aspettava l’abolizione dell’obbligo del celibato sacerdotale per una regione particolare così priva di sacerdoti da impedire a molte comunità di potere assistere alla Messa, a volte anche per un anno intero. I due partiti che si stanno facendo la guerra dentro la Chiesa, i superbergogliani e gli antibergogliani come li chiama padre Bernardo Cervellera, dopo avere polemizzato sul nulla invece di aspettare la pubblicazione del testo, hanno semplicemente smesso di occuparsene. I primi hanno cessato di occuparsi del testo non avendo motivo di chiedere l’abolizione del celibato anche ad altre regioni del mondo, in primis la Germania, mentre i secondi, per i quali papa Bergoglio ha torto a prescindere, hanno smesso di occuparsene perché non hanno trovato nel testo il pretesto più significativo per attaccarlo. Ma di cosa parla l’esortazione apostolica? Si tratta di un manuale sulla missione, cioè sull’importanza e la necessità che la fede, cioè l’annuncio che Gesù Cristo è il salvatore di ogni uomo e del mondo, deve essere proposta a tutti i popoli. Annunciare la fede a un popolo significa entrare in contatto con la sua cultura, nel caso specifico quella dei popoli amazzonici. Come tutte le culture, anche questa ha le sue caratteristiche peculiari, che devono essere custodite perché sono la base su cui si è formata l’identità del popolo. La loro cultura ha anche bisogno di essere purificata venendo a contatto con il Vangelo e questo mostra il duplice lavoro dell’azione evangelizzatrice, cioè proporre il Vangelo perché penetri nella cultura del popolo a cui si rivolge e contemporaneamente ricevere da questa cultura quanto vi è di compatibile con la fede cristiana, affinché possa nascere una cristianità indigena, fedele ai principi fondamentali della fede e contemporaneamente conforme alle proprie radici culturali.

Aperti al bene

Questa è da sempre l’azione missionaria della Chiesa, fedele alla propria origine divina e contemporaneamente aperta a tutto ciò che di vero c’è nelle culture. La storia della Chiesa è piena di strappi da parte di chi avrebbe voluto cancellare la tensione missionaria e al contrario di quelli che avrebbero voluto confondere l’evangelizzazione con l’imposizione di una cultura. Nel caso specifico, l’esortazione si riferisce all’evangelizzazione dell’America Latina e in particolare delle comunità amazzoniche, dopo un Sinodo nel quale si sono scontrate diverse interpretazioni della storia del continente sudamericano e della stessa nozione di missionarietà della Chiesa. Sono polemiche antiche, che già si erano verificate nel V centenario della scoperta dell’America, nel 1992 durante il pontificato di san Giovanni Paolo II. Il Papa polacco non diceva cose diverse dal suo successore argentino, anche se diverso era l’approccio culturale. Ma se si avesse la pazienza di rileggere per esempio il testo dell’incontro di san Giovanni Paolo II con gli indigeni dell’Amazzonia del 5 febbraio 1985 o il Messaggio agli indigeni d’America del 12 ottobre 1992, si capirebbe che pure con stili assai diversi i due Papi sostengono i due punti fondamentali: il diritto e dovere della Chiesa di annunciare Cristo e il diritto dei popoli di custodire le rispettive culture. Ovviamente, nella misura in cui il Vangelo penetrasse in queste culture, esse verrebbero purificate eliminando quanto vi fosse in esse di contrario alla fede e alla legge naturale.

Marco Invernizzi

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Marco Invernizzi

  (266 Articoli)

Marco Invernizzi nasce a Milano nel 1952. Nel 1977 si laurea in filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore con una tesi su Il periodico "Fede e Ragione" nell'ambito della storia del Movimento Cattolico italiano dal 1919 al 1929, relatore il professor Luigi Prosdocimi. Dopo gli studi universitari continua ad approfondire, in modo non puramente intellettualistico - dal 1972 milita in Alleanza Cattolica, della quale è stato responsabile per la Lombardia e per il Veneto fino al 2016-, le vicende del movimento cattolico in Italia. Ha pubblicato, fra l'altro, L'Unione Elettorale Cattolica Italiana. 1906-1919. Un modello di impegno politico unitario dei cattolici(Cristianità, Piacenza 1993); La Chiesa, la politica, il potere attraverso i secoli (contributo a Processi alla Chiesa. Mistificazione e apologia, a cura di Franco Cardini, Piemme, Casale Monferrato 1994); e, con altri, I Papi del nostro secolo, parte prima Da Leone XIII a Pio XII (Italica Libri/Editoriale del Drago, Milano 1991); e Guida introduttiva alla storia della Chiesa cattolica (Mimep-Docete, Pessano [Milano]). Collabora a Cristianità e ad altre riviste e quotidiani. Dal 1989 conduce a Radio Maria la trasmissione settimanale La voce del Magistero. Nella linea di quanto già edito si pone Il movimento cattolico in Italia dalla fondazione dell'Opera dei Congressi all'inizio della seconda guerra mondiale (1874-1939), un'opera di sintesi in cui viene ripercorsa la storia del movimento cattolico, con particolare attenzione alle sue espressioni politiche, dalla Breccia di Porta Pia alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Dal 28 maggio 2016 è Reggente Generale di Alleanza Cattolica. Facebook - Instagram - Cathopedia