“L’omofobia è perseguibile già oggi”

Il magistrato di Cassazione Alfredo Mantovano: con le nuove norme a rischio anche catechisti o teologi
Alleanza Cattolica 4 settimane fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “L’omofobia è perseguibile già oggi”

Di Angelo Picariello da Avvenire del 11/06/2020

«La legge già prevede varie norme a tutela della libertà della persona, o che perseguono gli atti persecutori, e -paradossalmente sarebbe gravemente discriminatorio nei confronti delle persone omosessuali ritenere non applicabile nei loro confronti una o più di tali disposizioni a causa del loro orientamento sessuale», nota Alfredo Mantovano, ex sottosegretario all’Interno, oggi magistrato di Cassazione e vicepresidente del Centro studi Livatino. «Il contrasto a comportamenti illeciti in materia di orientamento sessuale – si dice certo – può avvenire già con una corretta applicazione delle norme in vigore».

Ma perché considerare negativamente una tutela specifica per la discriminazione o l’istigazione ai danni degli omosessuali?

Una tutela rafforzata nei loro confronti risulterebbe discriminatoria verso le persone eterosessuali, o comunque verso altri soggetti. Se, per esempio, fosse penalmente sanzionata soltanto l’ingiuria contro persone omosessuali, ciò costituirebbe una violazione del principio di uguaglianza. L’intento di punire l’offesa rivolta a una persona in considerazione del suo orientamento sessuale può farsi rientrare fra i casi in cui scatta l’aggravante dei motivi abietti e futili.

L’aumento dei casi richiederebbe, si sostiene, unaprevisione specifica contro l’omofobia.

Da 10 anni il Ministero dell’Interno ha istituito, nell’ambito del Dipartimento di pubblica sicurezza, l’Oscad-Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori. In base al report finora disponibile sarebbero 197 (13%) i casi riguardanti l’orientamento sessuale, e solo 15 (1%) l’identità di genere. Dai dati ufficiali disponibili, quindi, non sembra emergere un’emergenza specifica.

Quali rischi vede, in caso di introduzione della nuovanormativa?

In base al testo che vede primo firmatario Scalfarotto si è sostenuto che con l’allargamento dei casi sanzionati dall’articolo 604 anche una discussione familiare si potrebbe trasferire in un’aula di giustizia e una madre verrebbe gravemente discriminata per la manifestazione di una opinione, peraltro all’interno delle mura domestiche. Si andrebbe ben oltre la sanzione per un comportamento violento o persecutorio, che, come detto, sarebbe già applicabile in base alle disposizioni in vigore. Si punisce un modo di pensare, e ancor prima di essere: il che giustifica la qualifica di ‘liberticida’ conferita alla normativa proposta. Se infatti si prospetta quale fonte di problemi il ‘suggerimento’ della madre alla figlia, con lo stesso metro si può immaginare la procedibilità penale per il docente di morale di un seminario, o molto più semplicemente per il catechista nelle lezioni che tiene ai bambini.

«Paradossalmente queste nuove proposte introdurrebbero una discriminazione proprio a scapito degli omosessuali, se non li si ritenesse già tutelati al pari degli altri cittadini»

Foto redazionale

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.