L’Unione Europea «dimentica» Asia Bibi

Ignorata la richiesta dell’Inviato per i Diritti umani Ue che subordinava il rinnovo di patti commerciali alla liberazione della donna cattolica
Alleanza Cattolica 2 anni fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  L’Unione Europea «dimentica» Asia Bibi

Da Avvenire del 21 aprile 2018

 

« Le 27 richieste al governo di Islamabad per confermare le condizioni più favorevoli all’export pachistano nella Ue sono state ignorate e tra queste soprattutto la richiesta di liberazione di Asia Bibi». Così Wilson Chowdhry, attivista cristiano e presidente dell’Associazione britannica dei pachistani cristiani, ha denunciato il rinnovo automatico del Generalised System of Preferences (GSP+), accordo che garantisce al-le esportazioni dal Paese asiatico tariffe favorevoli per l’accesso ai mercati dell’Unione Europea. Una delusione che non ignora le dichiarazioni fatte dall’Inviato speciale per i Diritti umani Ue, Jan Fiegel successivamente a un suo viaggio di ricognizione a fine 2017. Fiegel aveva espresso con chiarezza al convinzione che – proprio su sollecitazione italiana – l’accordo dovesse avere come contropartita anche la scarcerazione della donna cattolica in carcere da 3.221 giorni per l’accusa di blasfemia, condannata a morte e in attesa del giudizio definitivo della Corte suprema pachistana.

Il Gsp+ è invece stato confermato per il biennio 2018-2019 e se lo stesso Fiegel ha espresso il proprio disappunto per una mancanza coerenza tra quanto richiesto dagli accordi e la realtà sul campo, Chowdhry lamenta l’insincerità delle autorità europee. Una visione espressa anche il 13 aprile da lui e da altri leader pachistani davanti alla sede del Parlamento Europeo a Bruxelles.

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2698 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.