“L’uomo spesso è attratto dal nulla. Solo la luce della fede lo può illuminare”

Alleanza Cattolica 5 mesi fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “L’uomo spesso è attratto dal nulla. Solo la luce della fede lo può illuminare”

Da Il Nuovo Giornale del 23/01/2020.

Alleanza Cattolica ha sede a Roma e raggruppa 400 iscritti, ma il numero dei simpatizzanti che collaborano alle attività culturali è molto più alto. è stato il vescovo mons. Gianni Ambrosio ad approvare nel 2012 questa realtà come associazione privata di fedeli secondo le norme del Diritto canonico. “Ho interpellato numerosi vescovi e cardinali – spiega mons. Ambrosio – e ho ricevuto verso Alleanza Cattolica attestazioni di grande stima per l’impegno a diffondere la verità cristiana in ogni ambito, anche nella vita sociale ed economica. Nel suo carisma, mi hanno colpito in particolare due aspetti. In primo luogo, la luce della fede che illumina la storia dell’uomo ed ogni notte che questa attraversa. Solo questa luce resiste al fascino del nulla e del vuoto in cui la nostra cultura a volte cade lasciandosi affascinare dal nichilismo, dal non senso. E poi, la valorizzazione della ragione umana capace di indagare e verificare ogni cosa, ragione che si apre alla fede”. “Di Giovanni Cantoni – conclude – ho ammirato la costante fedeltà al Magistero della Chiesa: mai contro il Papa, sempre «cum Petro» e «sub Petro»”.

Categorie:
  Dalla stampa, Giovanni Cantoni nel ricordo degli "altri"
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.