«Proteggiamo i bambini dalla pericolosa “ideologia di genere”»

Alleanza Cattolica 6 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  «Proteggiamo i bambini dalla pericolosa “ideologia di genere”»

I Vescovi slovacchi, Cristianità n. 371 (2014)

Lettera pastorale della Conferenza Episcopale Slovacca, dell’8-12-2013, pubblicata in Katolícke noviny, anno 128, n. 49, Bratislava 8-12-2013, p. 4. Il titolo, ricavato dal testo, è redazionale.

Cari fratelli e sorelle! Il tempo di Avvento nel quale siamo appena entrati è un tempo di preparazione al Natale. Questo periodo richiama alle nostre menti la venuta del Figlio di Dio in questo mondo. Come Gesù stesso dice, Egli è venuto perché possiamo avere vita e l’abbiamo in abbondanza (cfr. Gv 10,10). La cosa più preziosa che Dio ha dato a questo mondo e all’uomo è la vita. Dio ha predisposto delle condizioni e determinato delle leggi che difendano la vita. Quando le rispettiamo, la vita sboccia e fiorisce. Ma quando qualcuno agisce contro queste leggi divine, la cultura della morte emette nuovi germogli.

Sull’uomo si concentra la particolare sollecitudine da parte di Dio. Prima che Dio creasse l’uomo, aveva preparato per lui una natura bellissima e fruttuosa, come fonte per il vigore del suo corpo. E per renderlo felice, insieme alla natura, Dio ha donato all’uomo una famiglia. Dio desidera che ogni essere umano entri in questo mondo in una comunione familiare affettuosa e ordinata. Se ciò non accade, è dovuto a tragiche circostanze o a fallimenti umani.

Nel corso di tutta la propria vita l’essere umano sperimenterà varie forme di felicità all’interno della famiglia. Si comincia con la felicità del bambino che si sente sicuro ed è privo di preoccupazioni fra la braccia di suo padre e di sua madre. Quando il bambino cresce, questa felicità si trasforma e diventa la felicità di un amorevole marito o moglie, e poi la felicità del padre e della madre solleciti. Vi è infine la felicità dei nonni, quando è data loro l’opportunità di guardare con gioia i propri discendenti ben cresciuti e di vedere con quanta responsabilità continuano la buona opera. Ogni fase della felicità umana è custodita da una famiglia bene ordinata.

La famiglia è un’istituzione fondata da Dio. Per questo l’uomo non può mai distruggerla completamente. Una delle preghiere della Chiesa nell’accompagnare il Sacramento del matrimonio recita: «O Dio, in te, la donna e l’uomo si uniscono, e la prima comunità umana, la famiglia, riceve in dono quella benedizione che nulla poté cancellare, né il peccato originale, né le acque del diluvio». Attraverso questa preghiera la Chiesa esprime la propria fede nella famiglia come istituzione di Dio che perdurerà sulla Terra.

Tuttavia non è scontato che la famiglia sopravviverà in Europa. Anche se l’uomo non può distruggere completamente la famiglia, egli la può deturpare, e ciò già accade nel mondo attuale. Danneggiando la famiglia, l’uomo sminuisce la felicità umana, che proprio nella famiglia trova la propria perfezione. Egli mette in pericolo la vita e produce una cultura di morte. I fautori della cultura di morte usano metodi molto sofisticati per avanzare. Nelle parole nobili che utilizzano essi inseriscono significati completamente opposti, cioè ne cambiano il senso e lo rendono ignominioso. Essi parlano di «diritti umani» e di «diritti dei bambini», ma vogliono imporre concetti che, in realtà, ledono le persone e i bambini. Sotto la parvenza di diritti dei bambini, così come essi li proclamano, i padri e le madri perdono qualsiasi possibilità di educare i propri figli in modo responsabile: viene così precluso il diritto a essere educato, donato da Dio a ogni bambino.

I fautori della cultura della morte promuovono la nuova «ideologia di genere». In nome di questa vogliono far rispettare la cosiddetta «parità di genere». Quando qualcuno sente questa espressione per la prima volta, potrebbe pensare che favorisca i pari diritti e la pari dignità attribuiti a tutti gli uomini e a tutte le donne. Questi gruppi tuttavia, utilizzando l’espressione «parità di genere», intendono qualcosa di completamente diverso. Essi cercano di convincerci che nessuno esiste in natura come uomo o come donna, cioè vogliono privare l’uomo della propria identità di uomo, la donna della propria identità di donna, la famiglia della propria identità di famiglia, cosicché l’uomo non possa più sentirsi uomo, la donna non possa più sentirsi donna e il matrimonio non sia più la comunione esclusiva fra un uomo e una donna: essi cercano di parificare l’alleanza fra due uomini o fra due donne con il matrimonio. In questo modo essi introducono una sorta di messinscena sodomitica che contraddice il volere di Dio e richiama la punizione divina.

Ciò che s’introduce nella nostra società attraverso tali nobili slogan è una sovversione della vita familiare, che deve essere sacra. È una ribellione blasfema dell’uomo contro il suo Creatore. Dio stesso ci ha creati a Sua immagine. Il Creatore ha donato all’uomo la dignità dell’uomo, alla donna la dignità della donna e alla famiglia la dignità della famiglia. La dignità di ogni nazione deriva da questo dono. Usando dei nobili slogan i fautori della cultura della morte e i promotori dell’ideologia di genere mirano a distruggere tutto ciò. Concetti come uomo, marito, padre, cavaliere, gentiluomo, non sono per loro più accettabili. Lo stesso vale per concetti come donna, moglie o madre. Questa ideologia, laddove si afferma, fa perdere alle nazioni la propria dignitosa posizione davanti a Dio e davanti al mondo.

Per motivi inconcepibili i rappresentanti di diversi Paesi si pongono in un degradante atteggiamento servile nei confronti dei fautori della cultura della morte e varano leggi che contraddicono a volte il buon senso. Questi rappresentanti hanno perso tutta la stima morale di sé e non solo fanno perdere dignità alle proprie nazioni, ma le espongono anche alla distruzione. Tale comportamento è una chiara perdita del fondamentale senso della vita e del senso di autoconservazione. E possiamo già vederne apparire alcuni segni nel nostro Paese.

Desideriamo esprimere la nostra grande stima e gratitudine a tutte le istituzioni e persone che comprendono questo pericolo e, promuovendo la famiglia e la cultura della vita, hanno organizzato la Marcia per la Vita a Košice, il 22 settembre 2013. Desideriamo esprimere il nostro rispetto e apprezzamento per tutte le persone che hanno sostenuto questa marcia, dimostrando quanto abbiano a cuore la protezione dell’istituto familiare.

La Marcia per la Vita voleva essere un appello, un incoraggiamento e un supporto morale per i nostri rappresentanti dello Stato, incoraggiandoli a proteggere la dignità e la vitalità della nostra nazione. La realtà tuttavia sembra mostrare che essi l’hanno ignorata, il che indica che hanno già adottato la cultura della morte, in considerazione del fatto che continuano a offrire ai suoi promotori ampio spazio e considerevole supporto. I sostenitori della «parità di genere» non cedono; stanno attendendo l’occasione propizia per soggiogare il processo educativo attraverso nuove leggi e imporre questa ideologia sodomitica in tutta l’educazione scolastica e prescolastica. Ciò avrebbe per conseguenza processi educativi tali non solo da privare i bambini della propria dignità, ma anche da danneggiarli moralmente e psicologicamente. Impedirebbe loro di crescere diventando uomini e donne pienamente maturi. Si abuserebbe inoltre anche degli insegnanti per questa terribile devastazione. In passato si abusò degli insegnanti per imporre l’ateismo ai bambini, contro la volontà dei genitori; oggi incombe su di loro una minaccia ancora peggiore. I fautori della cultura della morte sono fortemente sostenuti dai media: non diamo loro la possibilità di ingannarci o di manipolarci.

La cultura della morte minaccia veramente l’esistenza della nostra nazione. In tempi di pericolo le generazioni passate non hanno esitato a offrire la propria vita per proteggere la nostra madrepatria. Non è necessario che noi affrontiamo sacrifici così grandi, ancora, ma dobbiamo essere vigili. Invitiamo alla vigilanza i rappresentanti statali a tutti i livelli, nonché i genitori, le amministrazioni scolastiche e tutte le persone di buona volontà. Dovremmo rifiutare tutte le manifestazioni della cultura della morte fin dall’inizio. Alle elezioni possiamo votare solo quei candidati che rifiutano la cultura della morte. Se agissimo in modo diverso, avremmo in disistima l’eroismo dei nostri antenati, che hanno donato le proprie vite per il bene del loro Paese.

In questo tempo di Avvento e Natale Dio ci mostra molto chiaramente cosa significa per Lui la famiglia. Quando mandò Suo Figlio in questo mondo, non gli assicurò né un palazzo lussuoso né pranzi fastosi. Ma gli assicurò una famiglia ordinata in cui nascere. La Santa Famiglia di Nazaret dovrebbe ispirarci a fare tutto il possibile per difendere e preservare le nostre famiglie. Così come la Famiglia di Nazaret ha protetto il bambino neonato fuggendo in Egitto, anche noi dobbiamo tutelare a ogni costo il sano sviluppo di tutti i bambini e proteggerli dalla pericolosa «ideologia di genere». Sperando che assumiate la giusta posizione su tali serie questioni riguardanti la vita e la famiglia, impartiamo la nostra benedizione.

+ I vescovi slovacchi

Categorie:
  Cristianità, Magistero episcopale
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.