“Stretta sui negozi a Macerata, il vescovo al questore: «Sostengo il tuo impegno»”

Il questore Antonio Pignataro chiude i negozi che vendono prodotti con la cannabis light che non rispettano la legge. E il vescovo Nazzareno Marconi gli scrive una lettera aperta, per esprimere solidarietà e sostegno alla battaglia.
Alleanza Cattolica 1 anno fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “Stretta sui negozi a Macerata, il vescovo al questore: «Sostengo il tuo impegno»”

Di Chiara Gabrielli da Avvenire del 15/05/2019. Foto redazionale

Macerata

Il questore Antonio Pignataro chiude i negozi che vendono prodotti con la cannabis light che non rispettano la legge. E il vescovo Nazzareno Marconi gli scrive una lettera aperta, per esprimere solidarietà e sostegno alla battaglia. La polizia ha dichiarato guerra alla cannabis light, e alla droga in ogni sua forma, a Macerata, specialmente dopo le ferite causate alla città dai tragici eventi dello scorso anno. A cominciare dal massacro di Pamela Mastropietro, la 18enne di Roma che fuggì dalla comunità di recupero e finì fatta a pezzi e abbandonata in due trolley.

«Il suo impegno – scrive ora il vescovo al questore – nella lotta contro la diffu-sione “legale” della cannabis (marijuana) è da sostenere con fermezza. Anche io, come lei, ho troppo a cuore la difesa della vita e del futuro dei giovani per farmi spaventare dall’accusa di fare con ciò propaganda politica. D’altra parte fare di questo tema un discorso “di parte” mi sembra profondamente sbagliato, tutti dovrebbero informarsi seriamente sul tema e se lo facessero credo che davvero pochi resterebbero dalla parte di chi difende la cannabis». Un tema che il vescovo conosce bene, sia per l’esperienza ormai quarantennale di educatore di giovani, che per 15 anni di amicizia con i giovani ex-tossici delle ‘Case della Carità’ dell’Umbria. «Ma se questo non bastasse a far riflettere il nostro popolo maceratese, riporto alcune citazioni di persone più autorevoli di me». Da Papa Francesco(«La droga è un male, non ci possono essere cedimenti o compromessi») a docenti universitari e scienziati, passando per San Giovanni Paolo II (che nel 1991 aveva detto: «Non si può parlare della “libertà di drogarsi” né del “diritto alla droga”, perché l’essere umano non ha il diritto di danneggiare sé stesso») sono molti i nomi celebri a cui fa riferimento monsignor Marconi nella sua lettera. «Macerata è città universitaria – prosegue Marconi – e questo significa che come città abbiamo tutti la responsabilità non solo di comunicare nozioni ma di “educare” un numero significativo dei giovani che saranno la futura classe dirigente del Centro Italia. Favorire per loro uno stile di vita che renda facile e normale sbronzarsi ogni giovedì sera e affrontare la fatica delle tensioni e delle inevitabili prove della vita fuggendo nelle droghe più o meno velenose, è una responsabilità grave verso il loro futuro e quello del nostro Paese, di cui i maceratesi onesti non dovrebbero caricarsi.

Cui prodest?, chi ci guadagna e quanto dall’operazione cannabis light e relativinegozi?».Tutto a Macerata è cominciato a fine giugno dello scorso anno, quando il questore Pignataro, fece chiudere duenegozi in cui si vendevano prodotti con cannabis light. Le indagini erano durate un paio di mesi, durante cui erano state monitorate circa 100 persone, acquirenti, tra loro anche minorenni. Dalle analisi sulle sostanze sequestrate, con esito positivo, è emerso che il Thc superava le dosi consentite. Da quel momento, si erano trovate a rischio tutte le attività, anche le più piccole, come tabaccherie ed edicole che hanno in vendita questi prodotti. Il questore allora aveva promesso che i controlli a tappeto sarebbero continuati. E così è stato. «Non esiste droga light legale – ha sempre detto il questore Pignataro – con qualsiasi livello di Thc è sempre illegale. Le mamme vengono da me a chiedere aiuto, e io le ascolto, agisco per tutelare i giovani, i nostri figli».

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.