Il sublime mistero del sangue di Cristo

Nella basilica mantovana di Sant’Andrea è custodita la terra del Golgota sui cui Gesù spirò. Grazie alla devozione di un soldato romano, ricorda a tutti la fattualità storica dell’Incarnazione
Francesca Morselli 1 anno fa
Prima pagina  /  Via Pulchritudinis  /  Il sublime mistero del sangue di Cristo
Sant?Andrea - Mantova

di Francesca Morselli

Mantova, 12 marzo 2019. Come ogni anno, dal 1048, anche oggi si festeggia il ritrovamento dei Sacri Vasi con il Sangue di Cristo avvenuto durante il regno di Beatrice di Lorena (1019-1076), madre di Matilde di Canossa (1046-1115), vicaria imperiale di mezzo mondo allora conosciuto. La ricorrenza viene celebrata puntualmente sempre con grande spolvero: il vescovo, i carabinieri in alta uniforme, i prelati e i cittadini aspettano con trepidazione che venga aperto il famoso altare contenente la preziosa Reliquia.

San Longino (†37?), centurione romano in servizio ai piedi della Croce sul Golgota, portò infatti a Mantova della terra intrisa del Sangue versato da Gesù sul Calvario, essendosi fulmineamente convertito proprio sotto ai piedi della Croce. Il soldato aveva riconosciuto la divinità del Messia e se ne innamora a tal punto da farsi martirizzare per lui. E infatti nella basilica di San Pietro, a Roma, gli è riservato un posto speciale: una grande statua proprio nel transetto, all’incrocio dei due bracci della pianta della chiesa. E, incredibile, nella navata di destra ci sono anche i resti mortali di Matilde di Canossa, unica donna non consacrata a riposare in San Pietro, lei che fu tanto devota della preziosa Reliquia “mantovana”.

A Mantova la basilica di Sant’Andrea di chiama così per via di un frate a cui apparve in sogno appunto san Andrea a indicargli il luogo dove Longino aveva nascosto, 1000 anni prima, la terra raccolta sul Calvario. Del reso è proprio in questa grande chiesa che si custodiscono le ossa del santo milite romano, proprio vicino alla cripta della Reliquia.

I Sacri Vasi

La costruzione della basilica fu iniziata dal celebre architetto Leon Battista Alberti (1404-1472) nel 1472 su commissione del marchese di Mantova, Ludovico Gonzaga (1412-1478), che la volle proprio per dare degna accoglienza ai “Sacri Vasi”. Ludovico non fece quindi costruire una chiesa qualunque, bensì un enorme tempio a pianta etrusca (con un’unica navata) che potesse rappresentare il trionfo della cristianità. Ed ecco allora il miracolo di questa chiesa, lunga oltre 100 metri e alta più di 80, la cui cupola, terminante in una sfera dorata, si scorge persino dalla distante Verona e la cui ampia navata unica, coperta da un’enorme volta a botte, sfida le leggi dell’ingegneria. Il Gonzaga chiese all’Alberti una chiesa che potesse ospitare i pellegrini che da ogni parte del mondo venissero ad adorare la Reliquia, ovvero fedeli di tutti i Paesi e soprattutto di ogni ceto sociale, tra cui non potevano non esserci re, imperatori, duchi, marchesi e persino Papi. Sin dall’ingresso si resta sbalorditi per la grandiosità dell’edificio. Nella terza cappella di destra, l’architetto Giulio Romano (Giulio Pippi de’ Jannuzzi o Giannuzzi, 1499 ca.-1546) ‒ allievo di Raffaello Sanzio (1483-1520) giunto a Mantova nel 1524 ‒ racconta il ritrovamento della Reliquia e, in fondo alla grande navata, un grande inginocchiatoio avvicina i fedeli ai Sacri Vasi, riposti nella cripta sottostante, introducendo al mistero della Passione. Ogni Venerdì Santo infatti, si ripete l’adorazione della Reliquia, che pure transita per le vie della cittadina lombarda con un’imponente processione che ricorda a tutti la verità fattuale dell’Incarnazione e del racconto evangelico.

Sabato, 13 aprile 2019

Categoria:
  Via Pulchritudinis
Autore

 Francesca Morselli

  (12 Articoli)

Nata a Mantova il 6 marzo 1964 dove risiede, nel 1990 si è laureata in Architettura, presso l’Università degli studi di Venezia, con una tesi di storia dell’architettura dal titolo “ Mantova 1866 -1927: architettura e città”. Dopo il conseguimento dell’abilitazione di architetto ha lavorato in studi professionali a Torino e Mantova. Ha in seguito conseguito l’abilitazione per guida turistica per la provincia di Mantova e l’abilitazione all’insegnamento di Storia dell’arte nelle scuole secondarie di secondo grado dove tutt’ora insegna. Ha pubblicato articoli per la rivista La Roccia trattando argomenti su turismo e arte.