Vescovi e sindaci italiani affidano a Maria SSma le rispettive comunità

Alleanza Cattolica ha chiesto ai vescovi e ai sindaci italiani di affidare le rispettive comunità a Maria SSma o al santo patrono per chiedere l’intervento di Dio e mostrare la vicinanza delle autorità religiosa e civile alla gente che soffre
Alleanza Cattolica 3 mesi fa
Prima pagina  /  Comunicati  /  Vescovi e sindaci italiani affidano a Maria SSma le rispettive comunità

Comunicato stampa di Alleanza Cattolica del 23/03/2020

La fede che ha accompagnato per secoli i popoli d’Italia può e deve avere un posto importante nella battaglia contro il coronavirus. Per questo Alleanza Cattolica ha chiesto ai vescovi e ai sindaci italiani (https://alleanzacattolica.org/appello-ai-vescovi-e-ai-sindaci-ditalia/) di affidare le rispettive comunità a Maria SSma o al santo patrono per chiedere l’intervento di Dio e mostrare la vicinanza delle autorità religiosa e civile alla gente che soffre.

Con questo comunicato Alleanza Cattolica desidera ringraziare i sindaci che in vario modo hanno pubblicamente chiesto l’aiuto della Madre di Dio e nostra per superare questo difficile momento e vincere la malattia:

  • Gian Francesco Menani, sindaco di Sassuolo, mercoledì 11 marzo ha deposto un mazzo di fiori ai piedi della statua della Madonna e si è soffermato in preghiera assieme ad alcuni amministratori e sacerdoti.
  • Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia, venerdì 13 marzo si è rivolto alla Madonna della salute recitando una preghiera composta dal patriarca Francesco Moraglia.
  • Eugenio Aliberti, sindaco di Rodì Milici (Me), sabato 14 marzo ha affidato il paese alla Madonna di Lourdes e ha fatto apporre uno striscione sull’ingresso principale del municipio.
  • Marilena Mauceri, sindaco di Menfi (Ag), sabato 14 marzo ha consacrato la città alla Madonna del Perpetuo Soccorso.
  • Luigi De Mossi, sindaco di Siena, domenica 15 marzo ha consegnato simbolicamente le chiavi della città alla Madonna chiedendo la sua protezione alla conclusione della santa Messa celebrata a porte chiuse dall’Arcivescovo mons. Augusto Paolo Lojudice.
  • Domenico Surdi, sindaco di Alcamo (Tp), domenica 15 marzo ha invitato i concittadini a condividere una preghiera di affidamento a Maria S.S. dei Miracoli.
  • Leo Ciaccio, sindaco di Sambuca di Sicilia (Ag), domenica 15 marzo ha affidato il paese e l’Italia tutta alla Madonna dell’Udienza.
  • Andrea Soddu, sindaco di Nuoro, lunedì 16 marzo, in rappresentanza di tutta la cittadinanza ha acceso un cero chiedendo la protezione alla Madonna delle Grazie nel santuario di Ponte ‘e ferru.
  • Milko Cinà, sindaco di Bivona (Ag), lunedì 16 marzo, insieme all’arciprete don Marco Vella ha compiuto l’atto di affidamento e supplica alla Madonna e a Santa Rosalia Patrona della Città. 
  • Salvatore Gallo, sindaco di Palazzolo Acreide (Sr), lunedì 16 marzo ha consacrato il paese alla Madonna chiedendo la grazia della salute. 
  • Francesco di Giorgio, sindaco di Chiusa Sclafani (Pa), lunedì 16 marzo ha riaffidato la comunità con una supplica alla Madonna Immacolata, come durante l’epidemia di colera del 1836, risolta miracolosamente in pochi giorni.
  • Lucio Greco, sindaco di Gela (Cl), lunedì 16 marzo ha affidato la città alla Madonna e al SS. mo Crocifisso.
  • Alfonso Golia, sindaco di Aversa (Na), mercoledì 18 marzo, il Vescovo mons. Angelo Spinillo e il parroco don Giuseppe Marmorella hanno rivolto una supplica alla Vergine chiedendo il suo intervento come avvenne per la peste nel ’600.
  • Mario Conte, sindaco di Treviso, mercoledì 18 marzo,  sostando in preghiera ha affidato la città alla Madonna di Santa Maria Maggiore.
  • Leonardo Latini, sindaco di Terni, giovedì 19 marzo, con il vescovo mons. Giuseppe Piemontese ha rinnovato l’atto di affidamento e consacrazione al Cuore Immacolato di Maria.
  • Francesco Sgroi, sindaco di Randazzo (Ct), giovedì 19 marzo ha affidato la città alla protezione di San Giuseppe.
  • Matteo Francilia, sindaco di Furci Siculo (Me), venerdì 20 marzo, ha invocato sulla pubblica piazza la protezione della Madonna del Rosario sulla comunità.
  • Marco Fioravanti, sindaco di Ascoli Piceno, venerdì 20 marzo in Cattedrale con il vescovo S. E. Giovanni D’Ercole ha affidato la città al Patrono sant’Emidio e chiesto la sua protezione.
  • Antonio Baglio, sindaco di Galati Mamertino (Me), venerdì 20 marzo ha esposto il drappo del S. Crocifisso, chiedendone la protezione, sull’ingresso principale del Municipio.
  • Roberto De Donatis, sindaco di Sora (Fr), venerdì 20 marzo ha affidato la città nelle mani di Dio, chiedendo l’intercessione di San Rocco.
  • Ignazio Abbate, sindaco di Modica (Rg), sabato 21 marzo ha presenziato all’Affidamento della città alla Madonna delle Grazie, pronunciata dal Rettore della Basilica, don Antonio Stefano Modica.
  • Michele Conti, sindaco di Pisa, domenica 22 marzo, ha presenziato ufficialmente all’Atto di affidamento della Città e della Diocesi alla Madonna detta “di sotto gli organi”.
  • Arconte Gatti, sindaco di Vanzaghello (Mi), domenica 22 marzo ha pronunciato l’Atto di Affidamento del paese alla Vergine Maria.
  • Carmelo D’Angelo, sindaco di Ravanusa (Ag), domenica 22 marzo presso il Santuario dell’Assunta ha affidato la Città alla Madonna e le chiavi della stessa comunità al Protettore San Vito.
  • Luciano Biolchini, sindaco di Pavullo (Mo), domenica 22 marzo con il parroco don Roberto Montecchi ha pregato l’Altissimo e i Patroni del paese per far cessare il flagello.
  • I sindaci dell’Imperiese — Sanremo, Ventimiglia, Bordighera, Castelvittorio, Camporosso, Molini di Triora, Badalucco, Triora, Pigna, Vallebona, Vallecrosia, Airole —, rispondendo all’invito del Vescovo Antonio Suetta all’iniziativa proposta da Alleanza Cattolica, hanno in diverse occasioni predisposto momenti di preghiera e di affidamento per implorare la grazia della salute.

Il presente elenco è aggiornato al 22 marzo 2020.  

Categoria:
  Comunicati
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.