Superiore Maggiori degli Istituti Religiosi Femminili in Libano

Alleanza Cattolica 29 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Superiore Maggiori degli Istituti Religiosi Femminili in Libano

 

Superiore Maggiori degli Istituti Religiosi Femminili in Libano, Cristianità n. 190 (1991)

 

Mentre le armi tacciono, gli accordi di Taif “lavorano”: così, i cristiani libanesi vengono sottoposti a una pesante aggressione, che ne insidia l’identità e ne mette in pericolo l’esistenza. La denuncia in una lettera dell’Assemblea delle Superiore Maggiori degli Istituti Religiosi Femminili in Libano al Santo Padre Giovanni Paolo II. La traduzione dalla fotocopia dell’originale in francese e il titolo sono redazionali.


«Kulturkampf» siriano contro la comunità cristiana libanese

 

A Sua Santità Papa Giovanni Paolo II

 

Beatissimo Padre,

nella Vostra lettera ai libanesi del 1° maggio 1984, invitavate in modo particolare i cristiani a non lasciarsi vincere dal male, ma a vincere il male con il bene, secondo l’insegnamento di san Paolo. Ma dicevate loro anche:

 

“Non siate mai timidi quando si tratta di difendere le vostre libertà e soprattutto quella di proclamare e di vivere insieme i valori evangelici.

“La Chiesa tutta è al vostro fianco, solidale sia con le vostre prove che con le vostre aspirazioni, perché ricorda che nella vostra regione, per la prima volta, i discepoli di Cristo sono stati chiamati con il bel nome di “cristiani”. Essa è anche fiera di tutti i sacrifici dei cristiani d’Oriente per conservare intatta la fede in Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo. Essa non saprebbe rassegnarsi a veder indebolire in Libano e altrove questa presenza acquistata a prezzo di tanta eroica perseveranza.

 

Sulla base di questa Vostra affermazione, Beatissimo Padre, l’Assemblea delle Superiore Maggiori in Libano Vi dice ancora una volta che la presenza dei cristiani non è soltanto indebolita, ma sul punto di scomparire.

Infatti, l’applicazione di Taif sotto la protezione siriana ha comportato l’attacco all’educazione, alla libertà di pensare, di credere e di esprimersi.

Ebbene, proprio la scuola cattolica, la cultura e la libertà di espressione conservavano i libanesi, soprattutto i cristiani, nel loro paese o ve li riconducevano.

Beatissimo Padre,

Vi abbiamo espresso la nostra paura in una lettera del 16 aprile 1990.

Oggi è fatta! L’educazione è in pericolo: nella regione della Bekaa e nel Nord la Siria comincia a costringere i direttori e le direttrici — anche religiosi — a partecipare a riunioni dirette dal Partito Baath Siriano. Vengono loro imposte direttive.

La paura impedisce di resistere: si sono visti bruciare due autocarri — di cui uno di proprietà di una scuola di religiose — costringendo l’autista a restare a bordo dopo aver fatto scendere gli alunni.

 

Beatissimo Padre,

non vogliamo che l’educazione in Libano si allinei a quella che si impartisce negli altri paesi arabi.

Voi stesso riconoscete, Beatissimo Padre, l’importanza della scuola cattolica, il ruolo del Libano a livello culturale. È il nostro ultimo appello! Possiamo ricorrere soltanto a Voi e direttamente. Facciamo appello attraverso Voi a tutta la Chiesa, a tutto il mondo. Il Libano Messaggio, come lo chiamate, sta per scomparire.

 

Beirut, 9 novembre 1990

 

Antoinette Bassil

Presidente

Pauline Farès

Dominique Halabi

Gisèle Achkar

Membri dell’Ufficio dell’Assemblea

Categorie:
  Cristianità, Dichiarazioni e documenti
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.