APPELLO ASSOCIAZIONI PER LIBERTA’ DI CULTO

Il governo rispetti la libertà di culto: il DPCM 26 aprile 2020 è contro la libertà religiosa. Va subito corretto o impugnato perchè lesivo di diritti essenziali!
Alleanza Cattolica 2 mesi fa
Prima pagina  /  Appello  /  APPELLO ASSOCIAZIONI PER LIBERTA’ DI CULTO

Comunicato di Polis pro Persona del 27/04/2020

Il 14 marzo, come associazioni e persone impegnate per le istituzioni democratiche, abbiamo espresso solidarietà ai Vescovi per aver “testimoniato un non scontato gesto di responsabilità per sostenere la lotta contro la pandemia, accettando il sacrificio più grande, la rinuncia
cioè alla condivisione dell’Eucarestia”
.

Oggi rivolgiamo un APPELLO URGENTE AL GOVERNO perché rispetti le garanzie costituzionali di libertà di culto, palesemente violate dal DPCM 26 aprile 2020, che appare – come denuncia il comunicato stampa n. 34/2020 della CEI – “ARBITRARIO” e “INGIUSTO” nel punto in cui unilateralmente impone ancora al popolo italiano l’impossibilità di partecipare alla celebrazione eucaristica in condizioni di sicurezza.

ARBITRARIO, innanzitutto per l’assenza del confronto parlamentare, che in democrazia non ammette deroghe in presenza di diritti e libertà costituzionali.

ARBITRARIO, per insanabili contraddittorietà e illogicità.
È illogico infatti consentire l’apertura dei luoghi di culto condizionata a standards igienici e distanze interpersonali e pretendere poi di distinguere fra le attività praticabili in tale ritenuta sicurezza, vietandone solo una. È contraddittorio proibire le messe, permettendo solo “le cerimonie funebri”, che -come quasi tutti sanno- altro non sono che un particolare tipo di messa, che dunque andrebbe sempre consentita almeno alle medesime condizioni. È illogico rispetto alla natura laica della Repubblica scegliere chi possa partecipare ai funerali. È contraddittorio fissare il tetto massimo di 15 presenze ai funerali, perché per nessun altro luogo, seppur più angusto come biblioteche, librerie, piccole strutture di vendita, ecc., il DPCM impone un parametro numerico assoluto. È d’altronde del tutto illogico pensare che 15 persone siano nella stessa condizione igienico-sanitaria nei pochi metri quadri del Santuario della Madonna dell’Archetto a Roma come negli 11.700 mq del Duomo di Milano. È contraddittorio che il Comitato Scientifico di Palazzo Chigi si riferisca a non meglio precisate “criticità non superabili”, quando la stessa Presidenza del Consiglio pochi minuti prima annunciava un “protocollo” che “consenta quanto prima la partecipazioni di fedeli
alle celebrazioni liturgiche”
.

INGIUSTO, perché nega la sostanza ultima della presenza cattolica, in cui – come ben scrivono i Vescovi nella nota citata – il (tanto apparentemente apprezzato) “servizio verso i poveri, così significativo in questa emergenza, nasce da una fede”, che è incarnata e “deve potersi nutrire alle sue sorgenti, in particolare la vita sacramentale”. E “tornare a frequentare i luoghi dell’anima non è un fatto formale ma il viatico naturale per chi oltre al corpo vuole nutrire anche la propria fede” (Alberto Gambino, 23.4.20).

INGIUSTO perché, in ragione di tale negazione, disconosce “alla Chiesa la libertà di organizzazione” e il “pubblico esercizio del culto” assicurati invece dall’art. 2 del Concordato (1984) e dall’art. 7 della Costituzione.

INGIUSTO perché per rendere effettive tali essenziali garanzie di autonomia della Chiesa, “gli edifici aperti al culto” non possono essere distolti dalla relativa connaturale funzione degli stessi senza un “previo accordo con la competente autorità ecclesiastica” (cfr. artt. 5 e/o 13, comma 2, Concordato);

INGIUSTO perché l’eccezionale sospensione del culto è dunque costituzionale solo con il “previo” consenso della CEI: non è certo la Presidenza del Consiglio a “concedere” un “accordo” per riaprire il culto, che, al contrario, lo Stato non può unilateralmente negare senza calpestare -discriminandola- la libertà religiosa e dunque la libertà stessa di tutti.

Il Governo ripari subito questa grave e immotivata ingiustizia, per la quale, altrimenti, non esiteremo a supportare le associazioni che per natura statutaria stanno potranno direttamente impugnare del DPCM 26 aprile 2020 avanti ai Tribunali della Repubblica.

Roma, lì 27 aprile 2020

Primi firmatari: Mirco Agerde (Movimento Regina dell’amore), Arturo Alberti (Ass. Il Crocevia), Stefano Bani (Forum Cultura Pace e Vita Ets), Roberto Bettuolo (Ass. L’albero), Paola Binetti (senatrice, XVIII), Claudio Bianchi (FISM Como), Ettore Bonalberti (Ass. Liberi E Forti), Maurizio Borra (Ass. FamigliaSI), Filippo Boscia (Associazioni Medici Cattolici Italiani); Paolo Botti (Ass. Amici di Lazzaro), Aldo Bova (Forum delle Associazioni sociosanitarie); Antonio Buonfiglio (deputato, XVI), Tonino Cantelmi (Aippc – Ass. Italiana Psicologi E Psichiatri Cattolici), Marina Casini (Movimento per la Vita), Anna Catenaro (Avvocatura In Missione), Jacopo Coghe (Ass. Pro Vita & Famiglia), Alessandro Comola, Augusto Bagnoli e Giancarlo Infante (Ass. Politicainsieme), Marco D’Agostini (Ass. naz. Pier Giorgio Frassati), Fabio De Lillo (Ass. Cuore Azzurro), Stefano De Lillo (senatore, XVI), Emmanuele Di Leo (Ass. Steadfast Onlus), Lucio D’Ubaldo (Ass. Rete Bianca), Riccardo Evangelista (Ass. Proposte per Roma), Giovanni Falcone (deputato, XVII), Marco Ferrini (Centro internazionale Giovanni Paolo II e per il magistero sociale della Chiesa), Elena Fruganti (Ass. Esserci), Benedetto Fucci (deputato, XVII), Giovanni Gut (MCL-Movimento Cristiano Lavoratori), Sara Fumagalli (Ass. Umanitaria Padana), don Gianni Fusco (Confederazione internazionale del clero), Massimo Gandolfini (Ass. Family Day- Difendiamo I Nostri Figli), Maurizio Gasparri (Senatore XVIII, Fondazione Italia Protagonista), Gianluigi Gigli (deputato, XVII), Marco Invernizzi (Alleanza Cattolica), Antonella Luberti (Ass. Cerchiamo il Tuo volto), Diego Marchiori (Ass. Vivere Salendo), Mario Mauro (senatore, XVII), Domenico Menorello (deputato, XVII, Osservatorio parlamentare «Vera lex?»), Giorgio Merlo (deputato, XVI), Francesco Napolitano (Ass. Risveglio ), Alessandro Pagano (deputato, XVIII), Antonio Palmieri (deputato, XVIII), Paola Pellicanò (Ass. DONIM VITAE), Emilio Persichetti (Ass. Convergenza Cristiana), Riccardo Pedrizzi (deputato, XVI, Presidente Comitato scientifico UCID), Maurizio Perfetti (Collatio.it), Simone Pillon (senatore, XVIII), Giovanni Pirone (Ass. Etica & Democrazia), Massimo Polledri (deputato, XVI), Mauro Ronco (Centro Studi Livatino), Gaetano Quagliariello (senatore,
XVIII), Carlo Ranucci (Ass. Convergenza cristiana 3.0), Marco Respinti (International Family News), Eugenia Roccella (deputato, XVII, Ass. Progetto culturale), Gianluca Rospi (deputato, XVIII), Maurizio Sacconi (senatore XVII), Luisa Santolini (deputato XVI), Ivo Tarolli (senatore, XIV; Ass. Costruire Insieme), Olimpia Tarzia (Movimento Per: Politica; Etica, Responsabilità), Giorgio Zabeo (Circoli insieme), Marco Zabotti (Rete Italia Insieme), Germano Zanini (Ass. Rete Popolare), Peppino Zola (Ass. Nonni 2.0)

ulteriori adesioni a info@polispropersona.com

Categorie:
  Appello, In evidenza
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2697 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.