Bisogna riconoscere e rispettare i «diritti di Dio»

Alleanza Cattolica 27 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Bisogna riconoscere e rispettare i «diritti di Dio»

Giovanni Paolo II, Cristianità n. 215-216 (1993)

 

Angelus, del 7-3-1993, in L’Osservatore Romano, 8/9-3-1993. Titolo redazionale.

 

1. “L’occhio del Signore veglia su chi lo teme, su chi spera nella sua grazia”. Queste parole, tratte dalla liturgia dell’odierna domenica di Quaresima, ci invitano ad essere attenti allo sguardo di Dio. Ne abbiamo immenso bisogno! Ne ha bisogno l’intera umanità, che sta vivendo un’ora veramente difficile. Come, infatti, tacere dinanzi al triste spettacolo di soprusi e inaudite crudeltà che sembrano gettare individui e popolazioni sull’orlo del baratro? […]

Non dipende, forse, dal fatto che la cultura contemporanea va inseguendo, in larga misura, il miraggio di un umanesimo senza Dio, e presume di affermare i diritti dell’uomo, dimenticando, anzi talora conculcando, i “diritti di Dio”?

 

2. È ora di tornare a Dio! Sì, carissimi Fratelli e Sorelle, il mondo ha bisogno di Dio, spesso così poco creduto e adorato, così poco amato e obbedito. Egli non tace, ma chiede l’umile silenzio dell’ascolto. Il suo infinito rispetto per la nostra libertà non è debolezza: Egli ci tratta da figli.

Lasciamo che la sua parola tocchi il nostro cuore. Egli è la speranza dell’uomo ed il fondamento della sua autentica dignità.

Alla prova dei fatti, si è dimostrata cieca ogni ideologia che ha voluto porre l’uomo in alternativa a Dio, la creatura al Creatore. “Senza il Creatore — ammonisce il Concilio — la creatura svanisce” (Gaudium et spes, 36).

Certo, è giusto e doveroso affermare e difendere i “diritti dell’uomo”; ma prima ancora occorre riconoscere e rispettare i “diritti di Dio”. Trascurando questi, si rischia, oltretutto, di vanificare anche quelli. “Se manca il fondamento divino e la speranza della vita eterna — afferma ancora il Concilio — la dignità umana viene lesa in maniera assai grave” (Ibid. 21).

Consentitemi di gridarlo forte: “È ora di tornare a Dio!”. A chi non ha ancora la gioia della fede, è chiesto il coraggio di cercarla con fiducia, perseveranza e disponibilità. A chi ha già la grazia di possederla, è domandato di apprezzarla come il tesoro più prezioso della sua esistenza, vivendola fino in fondo e testimoniandola con passione. Di fede, di fede autentica e profonda ha sete il nostro mondo, perché solo Dio può soddisfare appieno le aspirazioni del cuore umano.

 

3. Bisogna tornare a Dio: riconoscere e rispettare i diritti di Dio! Chiediamo alla Vergine Santa questa rinnovata consapevolezza. La sua presenza ammonitrice e materna tante volte si è fatta sentire, anche nel nostro secolo: sembra quasi che ella voglia avvertirci dei pericoli che incombono sull’umanità. Alla forza oscura del male, Maria ci chiede di rispondere con le specifiche armi della preghiera, del digiuno, della carità: ci addita Cristo, ci porta a Cristo. Non deludiamo le attese del suo cuore di Madre.

Giovanni Paolo II

Categorie:
  Cristianità, Magistero pontificio
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2699 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.