“Chi è il mio prossimo al tempo della rete?”

Se da una parte la scienza e la tecnologia illudono spesso l’essere umano di aver raggiunto gli attributi divini dell’onniscienza e dell’onnipotenza, dall’altra l’avvento dell’era digitale lo illude di aver raggiunto l’onnipresenza
Alleanza Cattolica 2 mesi fa
Prima pagina  /  Dalla stampa  /  “Chi è il mio prossimo al tempo della rete?”

Di Gaetano Masciullo dal portale cattolico svizzero catt.ch del 08/05/2020

Tra le varie conseguenze (tantissime positive, ma anche tante negative) che la digitalizzazione ha comportato per le nostre vite, ce ne sono alcune che riguardano la sfera affettiva. Si tratta evidentemente di conseguenze importanti, sulle quali possiamo riflettere in questi giorni difficili. Ormai da tanti anni, si sta diffondendo quello che potremmo chiamare «amore per l’esotico», quell’amore cioè che si prova verso persone e cose che sono molto distanti da noi (spazialmente o temporalmente) a discapito di ciò che ci è vicino. Questo amore è spesso e volentieri sintomo di un disagio spirituale. Infatti, spesso tendiamo ad amare ciò che è distante perché non è direttamente conoscibile. Ciò che conosciamo attraverso i sensi – ciò che possiamo vedere e toccare con mano – è sempre spiazzante, è in un certo senso traumatico. Essere chiamati ad amare chi ci è vicino (chi è «prossimo» nel vero senso della parola) significa essere disposti alla pazienza, alla comprensione, ai sacrifici. Lo vediamo in questi giorni di lockdown con la compresenza, per lungo tempo, negli stessi ambienti. Abbiamo riscoperto gli aspetti positivi, ma anche quelli più negativi, dello stare insieme, e forse sono proprio questi ultimi che rappresentano la sfida più grande.

Amare qualcuno o qualcosa che è virtuale potrebbe persino risultare molto più comodo, perché l’oggetto amato rischia di essere in alcune circostanze (specialmente se abbiamo con esso solo una relazione digitale) una proiezione della nostra fantasia o dei nostri desideri: amiamo noi stessi, ma ci illudiamo, ci convinciamo di amare qualcosa di differente da noi stessi e, questo ci fa credere buoni alla nostra coscienza. Questo fenomeno è purtroppo molto diffuso tra i più giovani. Questo ovviamente non significa che dobbiamo dimenticare gli aspetti più positivi della realtà digitale: per esempio, la solidarietà ha assunto una dimensione globale anche grazie ad essa. Non bisogna però mai dimenticare che è nei rapporti con chi ci è più prossimo che mettiamo davvero alla prova la nostra capacità di amare.

Oltre all’esotismo spaziale, esiste anche un esotismo temporale, tipico di coloro che nostalgicamente si richiudono in tempi passati e al contempo mitizzati, per ovviare alle difficoltà del presente, ritenute così insormontabili: questo amore è più diffuso di quanto si creda e ci giustifica, ci de-responsabilizza dinanzi alle difficoltà del presente. Contro queste minacce, già sant’Agostino commentava:

«Tutti gli uomini devono essere amati con uguale amore, ma poiché non potresti giovare a tutti, devi provvedere soprattutto a quelli che ti sono più strettamente congiunti – quasi per una specie di sorte – secondo i luoghi, i tempi o qualsiasi altra circostanza»

(Dottrina cristiana I, 28, 29).

Fermiamoci un attimo, allora, e rivolgiamoci la stessa domanda che un dottore rivolse a Gesù: «Chi è il mio prossimo?» (Lc 10, 29).

Foto redazionale

Categoria:
  Dalla stampa
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2700 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.