Comunicato della Santa Sede

Alleanza Cattolica 32 anni fa
Prima pagina  /  Cristianità  /  Comunicato della Santa Sede

Cristianità n. 158-160 (1988)

 

Il documento è comparso in L’Osservatore Romano del 30 giugno-1° luglio 1988 con il titolo Comunicato.

 

Comunicato della Santa Sede

 

In relazione a voci circolate negli ambienti di Mons. Lefebvre riguardo alla scomunica latae sententiae prevista dal can. 1382 si precisa che: 

A norma del can. 1013 che recita: «A nessun vescovo è lecito consacrare un altro vescovo, se prima non consta del mandato pontificio», le consacrazioni episcopali avvenute il 30 giugno, per mano di Mons. Lefebvre, nonostante l’ammonizione del 17 giugno, sono state compiute espressamente contro il volere del Papa, con atto formalmente scismatico a norma del can. 751, avendo egli apertamente rifiutato la sottomissione al Sommo Pontefice e la comunione con i membri della Chiesa a lui soggetti. 

Di conseguenza sia Mons. Lefebvre sia i vescovi da lui consacrati Bernard Fellay, Bernard Tissier de Mallerais, Richard Williamson, Alfonso de Galarreta, sono incorsi ipso facto nella scomunica latae sententiae riservata alla Sede Apostolica.

Né per loro si può applicare il can. 1323, non essendosi nel caso verificata alcuna fattispecie da esso prevista dal momento che anche la pretesa «necessità» è stata creata appositamente da Mons. Lefebvre per conservare un atteggiamento di divisione dalla Chiesa cattolica, nonostante le offerte di comunione e le concessioni fatte dal Santo Padre Giovanni Paolo II.

 

Categorie:
  Cristianità, Dichiarazioni e documenti
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.