Cose di oggi. Quanto sono vigliacchi gli uomini?

Alleanza Cattolica 3 anni fa
Prima pagina  /  Cose di oggi  /  Cose di oggi. Quanto sono vigliacchi gli uomini?

Tanto. E spesso in maniera sorprendente come testimonia il triplice tradimento di Pietro nei confronti di Gesù prima del canto del gallo.
Le donne invece, a cominciare dalla Madre di Dio, furono nell’occasione fedeli, attestando il proprio coraggio sotto la Croce e dando una lezione che rimane nella storia.
C’è in particolare una forma odiosa di viltà negli uomini. Ed è quella di quanti tra loro abbandonano la donna che amano (?) quando scoprono che attende un bambino. Non sono pochi i mariti, i compagni, i fidanzati che fuggono di fronte alle responsabilità della paternità lasciando sole mogli, compagne e fidanzate. A parte la fuga vera e propria, non rara, ci sono le mille scuse: “non sono pronto“, “non abbiamo ancora la cameretta, come faremo?” “Che diranno i tuoi?” e via dicendo.
Così le donne a volte si trovano, spinte anche da una pervadente cultura contraria alla vita, a dover scegliere l’aborto. Quante di loro terrebbero il proprio bambino che sentono crescere nel grembo, se trovassero nell’uomo un sostegno? Nessuno lo può dire. Ma si può ipotizzare che non siano poche.
La vigliaccheria degli uomini in questi casi uccide nella coppia l’amore, il frutto di quell’amore e la speranza. Eppure, come insegna Pietro, tutto può essere ricostruito se l’uomo affronta con coraggio le conseguenze della propria viltà. Pentimento e perdono possono dare luogo a una nuova vita e lasciare spazio all’accoglienza di bambini che riempiano il vuoto di quello rifiutato tragicamente con l’aborto. A porre il problema in righe meravigliose fu San Giovanni Paolo II nell’Evangelium Vitae. Una enciclica da rileggere.

Gli uomini sono spesso vili ma sanno talvolta riconquistare dignità e ruolo. Agli occhi delle donne e anche di Dio.

Categorie:
  Cose di oggi, In evidenza
Autore

 Alleanza Cattolica

  (2701 Articoli)

Alleanza Cattolica è un’associazione di laici cattolici che si propone lo studio e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa. Il motto dell’associazione è “Ad maiorem Dei gloriam et socialem”, “Per la maggior gloria di Dio anche sociale”. Lo stemma di Alleanza Cattolica è costituito da un’aquila nera con un cuore rosso sormontato dalla croce. L’aquila è l’animale simbolico dell’apostolo san Giovanni e testimonia la volontà di essere figli di Maria, come l’Apostolo prediletto che ha riposato sul Cuore di Gesù. Circa il cuore, dice Pio XII che “è […] nostro vivissimo desiderio che quanti si gloriano del nome di cristiani e intrepidamente combattono per stabilire il regno di Cristo nel mondo, stimino l’omaggio di devozione al Cuore di Gesù come vessillo di unità, di salvezza e di pace”. Circa la croce sul cuore, cfr. il Cantico dei Cantici (8, 6): “ponimi come sigillo sul tuo cuore”.